giovedì 31 luglio 2014

I Marò Latorre e Girone, lettera aperta al Presidente della Repubblica



Esimio Presidente Giorgio Napolitano oggi sono qui a  scriverLe una lettera aperta, abbiamo aspettato notizie da Nuova Delhi e chiaramente è arrivato l' ennesimo rinvio per una "indisposizione" del giudice chiamato a decidere alla corte speciale indiana, uno schiaffo a tutti gli effetti rifilato  alla nostra Nazione,  oggi è il giorno 893 di questa farsa in cui Lei non ha mosso di fatto un dito, sono certo che oltre a farsi le foto insieme ai nostri Fucilieri di Marina e a ricordarli quando presenzia a cerimonie istituzionali dedicate alle Forze Armate Lei debba fare di più, non riesco a capire in alcun modo le ragioni per cui Lei ha acconsentito al loro rimando in india dopo la  violazione gravissima da parte del governo indiano  di bloccare le libertà di movimento all' Ambasciatore Mancini, uno squallido ricatto,  un atto che nessuno aveva mai compiuto nella storia, nemmeno Hitler allorchè la Germania era in guerra con tutti, Lei è il Comandante Supremo delle Forze Armate e non credo le faccia piacere essere accostato e ricordato a un generale che ha causato stragi dei nostri soldati dopo l otto settembre quale l' infimo badoglio, si ricorda dell' eccidio di Cefalonia, Lei dovrebbe visto che quei momenti storici li ha vissuti in prima persona, La scongiuro quindi di esigere dal suo omologo indiano il rimpatrio immediato di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, gli Italiani lo chiedono a gran voce.

rispettosamente La saluto

Antonio Milella
Bari
31 Luglio 2014


Marò ennesimo rinvio, la farsa continua il M.A.E. Mogherini cosa farà ?


31 luglio 2014, ennesimo rinvio alle calende indiane.

Nulla di nuovo sul fronte orientale !

Ennesima farsa, ennesima presa per il culo, oggi apprendiamo che a causa di un indisposizione del magistrato la seduta del tribunale speciale è stata aggiornata al 14 ottobre prossimo, attendiamo ora la pronta risposta del M.A.E. Mogherini, ma dobbiamo aspettare che :

1) debba risolvere il problema dei parassiti delle mangrovie in centroamerica

2) debba risolvere il problema dell' esposizione al sole degli orsi polari al polo

3) debba risolvere il problema della difficoltà linguistica a causa dei diversi dialetti in cina

4) debba risolvere il problema dei pinguini divorati da orche e squali al polo sud

5) debba risolvere il problema della carenza di plancton per i capodogli negli oceani

6) debba risolvere il problema delle rivalità tra interisti e juventini

7) debba risolvere il problema della traduzione in swahili della divina commedia

8) debba risolvere il problema della presenza di iceberg alla deriva negli oceani

9) ecc ecc...


Egregia Signora Ministro Mogherini cosa aspetta a risolvere il problema dei Fucilieri di Marina Latorre e Girone sequestrati dall' india, le basta imbarcarsi su un volo diretto per nuova delhi e restare li' finchè non li avrà riportati a casa, ma certo lei continuerà seguendo la  linea guida decisa da Monti, Di Paola e Passera a cui hanno abbozzato nell' ordine :
Giorgio Napolitano
Enrico Letta
Emma Bonino
Mario Mauro
Matteo Renzi
Roberta Pinotti

vero ?

abbiamo la conferma, tre governi hanno abbandonato i nostri #marò






mercoledì 30 luglio 2014

Matteo Renzi, è a conoscenza dei due #Marò in india ?


Egregio Presidente del Consiglio Matteo Renzi, tra poche ore andrà in scena un altra puntata della farsa indiana, se come si prevede ci sarà un altro rinvio cosa aspetta a prendere un aereo per New  Delhi insieme al Ministro degli Affari Esteri Federica Mogherini e al Ministro della Difesa Roberta Pinotti per risolvere il caso ?

...siamo stufi di vederla farsi i selfie alla mister bean, grazie.

Marò in India: Lettera aperta di un cittadino italiano al Ministro degli Esteri Federica Mogherini.



di Nicola Marenzi

Sig.ra Ministro Federica Mogherini, la credibilità internazionale dell’Italia è stata gravemente intaccata. I due fucilieri di marina attendono il loro processo senza certezze sui tempi, sulle modalità, sulla possibilità concreta di difendere i propri diritti. La riconsegna dei due militari (perché tale era stata la decisione finale di farli rientrare in India) ad un ordinamento in cui è prevista la pena capitale è stata effettuata con leggerezza e sicuramente contrasta con la chiara giurisprudenza della Corte Costituzionale. La tardiva revoca da parte della Corte Suprema indiana del divieto per il nostro ambasciatore di lasciare il Paese senza autorizzazione della stessa Corte costituisce una inaudita violazione del diritto diplomatico, senza precedenti nell’epoca moderna. I molteplici errori compiuti da parte italiana giustificano, a parere di chi scrive, di definire questa vicenda come la “Caporetto” diplomatica, politica e giudiziaria del terzo millennio. Mancano due giorni e qui tutto tace. Il tribunale speciale indiano che ha stabilito il rinvio dell’udienza sul caso marò al 31 luglio, dovrebbe formulare i capi d'accusa nei confronti di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. Ma visto e considerato che non lo farà, perchè gli è giunta probabilmente voce che esistono prove schiaccianti relative alla loro estraneità ai fatti (http://www.seeninside.net/piracy/it-down.htm), sarebbe auspicabile un suo viaggio in India, visto e considerato che l'ultimo responsabile del suo Dicastero che i Fucilieri di Marina hanno visto, è stato Giulio Terzi. Vada Mnistro, parli direttamente con Modi, dimostri che dalla sconfitta - come ci insegna la storia - si è pervenuti alla vittoria. Questo è l’auspicio, per i nostri fucilieri di marina, per le loro famiglie, per la credibilità internazionale dell’Italia. Nicola Marenzi

CASO MARO': DELEGATO COCER MARINA, PERCHE' IL SILENZIO DI RENZI E MOGHERINI?

COL. COLOMBO A RADIO AUSTRALIANA, LESIONE DEI DIRITTI DEI MILITARI



Roma, 29 lug. (Adnkronos) - Il caso marò arriva in Australia. La radio di Stato, la Sbs Network, intervista il Capitano di fregata Antonio Colombo, rappresentante del Cocer della Marina Militare: "La cosa che non mi piace - spiega l'ufficiale - è che non ho ancora sentito una volta Renzi, la Mogherini, non parlano di questi ragazzi! 

Ma perchè non parlano? Li ignorano. Vogliono fare in modo che la cosa cada nel dimenticatoio? Io non lo capisco, e non lo dico da militare ma da italiano".

"Sono pronto a festeggiare i 1.000 giorni di permanenza in India dei ragazzi che avverrà il 12 di novembre", dice lasciandosi andare ad una provocazione. "Cercheremo di attirare l'opinione pubblica con qualche forma di iniziativa, non so quale, dovremo studiarla, dovremo pensarci. Che sia un'iniziativa che faccia riflettere che 1.000 giorni lontani dagli affetti, lontani dal Paese, lontani dalla divisa, lontani dallo svolgere quotidianamente un lavoro veramente importante e impegnativo sono pesanti, sono lunghi".

martedì 29 luglio 2014

Finmeccanica: archiviato procedimento elicotteri India




E' di oggi la notizia riguardo all' archiviazione del procedimento riguardante la commessa degli elicotteri indiani di Finmeccanica da parte della procura di Busto Arsizio, ora siamo curiosi di vedere cosa accadrà nella sessione della supreme court indiana riguardo ai due Marò sequestrati dal febbraio 2012, a breve informeremo i nostri lettori riguardo all' arbitrato internazionale tra la stessa industria e il governo indiano riguardo alla fornitura degli stessi elicotteri.

Finmeccanica: archiviato procedimento elicotteri India


La Procura di Busto Arsizio ha archiviato il procedimento nei confronti di Finmeccanica in merito 
alla fornitura dei 12 elicotteri Aw101 VVip al Governo indiano, oggetto di accordi del 2010. E' quanto
 si legge in una nota del gruppo italiano, in cui si sottolinea che la procura ne ha riconosciuto 
l'estraneita' ai fatti contestati. 
La procura, spiega la nota del gruppo, ha infatti "riconosciuto, da un lato, l'estraneita' di
 Finmeccanica rispetto ai fatti contestati e, dall'altro, che Finmeccanica, sin dal 2003, ha adottato
 - e, successivamente, costantemente aggiornato - un modello di organizzazione, gestione e 
controllo idoneo a prevenire reati della stessa specie di quello contestato, rivolgendo grande 
attenzione anche agli aspetti di compliance, al fine di garantire adeguati standard di correttezza e
di eticita'". 

Inoltre, si legge ancora nel comunicato, AgustaWestland e la sua filiale inglese, unitamente al 
Pubblico Ministero, "hanno deciso di chiedere l'applicazione di sanzioni amministrative 
di natura pecuniaria di limitata entita' nei propri confronti, confermando anch'esse l'efficacia 
dei rispettivi sistemi di controllo e la sostanziale estraneita' nei confronti dei fatti ipotizzati 
di corruzione contestati dalla Procura. Resta quindi esclusa qualsiasi ammissione di addebito 
da parte delle due aziende". 

Le due societa', infine, hanno assunto tale decisione in funzione della radicale riorganizzazione
 del Gruppo Finmeccanica, sulla base della volonta' di concentrarsi sulle attivita' di impresa 
e cogliere appieno tutte le potenzialita' del mercato.




Renzi, Mogherini, Pinotti, perchè il silenzio sui Marò ? se ne è accorta anche la Croce Rossa !



29 luglio 2014, giorno 891 di sequestro e abbandono.

Prendo spunto dalle parole rilasciate in un intervista alla Radio Australiana " SBS Network " dal rappresentante del COCER della Marina Militare, il Capitano di Fregata Antonio Colombo,
anche io ho da chiedere al Presidente del Consiglio Matteo Renzi, al Ministro degli Affari Esteri Federica Mogherini e al Ministro della Difesa Roberta Pinotti alcune spiegazioni sul loro silenzio sul sequestro e la prigionia dei nostri Fucilieri di Marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, dice bene il Cap. di Fregata Colombo :

" la cosa che non mi piace è che non ho sentito una volta Renzi, la Mogherini, non parlano di questi ragazzi ! Ma perchè non parlano ? Li igorano. Vogliono fare in modo che la cosa cada nel dimenticatoio ? Io non lo capisco, e non lo dico da militare ma da Italiano"

ed ancora denuncia :

" una lesione dei diritti, c'è un problema anche di aver consegnato dei militari, dei cittadini Italiani, a uno stato che ha ancora in vigore la pena di morte, quindi ci sarebbero stati mille motivi per non rimandarli indietro ".


Addirittura è scesa in campo la Croce Rossa come apprendiamo da un agenzia :

Il Comitato Internazionale della Croce Rossa ha dato la propria disponibilità alle famiglie dei due fucilieri di Marina Massimiliano Latorre Salvatore Girone, da due anni trattenuti in India, ad esaminare la vicenda sotto il profilo umanitario e iniziare un dialogo con gli Stati interessati. "Ma non si muoverà un passo se non dopo l'autorizzazione dei due fucilieri e delle loro famiglie", assicura Francesco Rocca, presidente della Croce Rossa Italiana.
"Il comitato internazionale - chiarisce Rocca - ha solitamente un mandato per intervenire nelle situazioni di conflitto, valutare se le condizioni dei detenuti rispettiamo le convenzioni internazionali. Nella vicenda che riguarda i due militari italiani, ci troviamo in una situazione ibrida che sotto il profilo del diritto viene trattata non secondo il diritto dei conflitti ma come diritto interno dello Stato indiano. Ed è proprio la questione che andrebbe esaminata con le parti".
"Al momento - prosegue il presidente della Cri - non c'è stata alcuna risposta da parte delle famiglie dei marò ma la disponibilità del comitato è arrivata da poco, quindi pensiamo che debbano avere il tempo di valutare la proposta". Una volta che le famiglie avranno accettato la disponibilità del comitato "si avvierà una fase di dialogo con i governi, italiano e indiano, per cercare di risolvere e mediare la situazione".
Il dialogo, una volta avviato, "avviene sempre su base confidenziale tra il comitato internazionale e i governi", che sono stati già "informati della disponibilità del comitato. Noi come Croce Rossa Italiana - rimarca il presidente Rocca- non abbiamo alcun mandato su questa vicenda, abbiamo solo risposto alle richieste della società civile e alle persone che ci hanno scritto chiedendoci di occuparci della questione dei due fucilieri di marina italiani, in India da oltre due anni".

Vorrei sapere Egr. Renzi, Mogherini, Pinotti il perchè del vostro silenzio, il perchè nessuno di voi è ancora andato in india per incontri mirati a chiedere il rilascio dei nostri Soldati sequestrati, io inoltre sono molto malizioso e mi chiedo se il vostro silenzio non sia dovuto a una sottomissione ai poteri forti che sin dall' inizio di questa vicenda hanno fatto in modo che i media tacessero, non si vogliono turbare gli amici dell' ex Ministro Corrado Passera che premette sul Consiglio dei Ministri per rispedirli in india ?

Vorrei anche che l' ex M.A.E. Giulio Terzi si liberasse del peso che ha dovuto sopportare fino al giorno delle sue dimissioni, in disaccordo con la decisione di rispedirli in india e facesse i nomi di chi ha dato gli ordini.

Vorrei sapere come reagirete di fronte alla sessione della Supreme Court Indiana del 31 C.M.  che certamente, ( sono pronto a scommetterci ) produrrà un altro ennesimo rinvio e di conseguenza un aumento della detenzione dei nostri soldati.

E se ancora non ve ne fosse accorti i nostri Soldati non sono colpevoli rispetto alle false accuse contestate, leggete questo articolo dal link allegato


e ascoltate le parole di chi è stato testimone oculare a bordo della Enrica Lexie in occasione dei fatti contestati.





Egr. Renzi, Mogherini, Pinotti... 

abbiamo già sopportato a lungo le fesserie e le prese in giro nell' ordine di Monti, Di Paola, Passera, Letta, Bonino e Mauro, tutte supportate da quel campione macchiavelico di De Mistura, ora tocca a voi !

Riportate a Casa i nostri Marò !!!




Tag : Renzi, Mogherini, Pinotti, Cocer Marina Militare, Antonio Colombo, Latorre, Girone, Croce Rossa Internazionale, Francesco Rocca, Croce Rossa Italiana, Enrica Lexie, Monti, Di Paola, Passera, Letta, Bonino, Mauro, Terzi.

lunedì 28 luglio 2014

La Folgore si deve solo rispettare e amare !


Negli ultimi giorni è apparsa una notizia riguardante alcuni Paracadutisti filmati mentre cantano una canzone davanti a un Reduce di El Alamein, subito la stampa si è occupata di infierire sui protagonisti di questo gesto definendoli come " fascisti " e auspicando inchieste che puniscano i responsabili, come sempre da noi i media tendono a colpire il cane più magro, ben guardandosi da attaccare i cani ben più grossi, troppo facile attaccare qualche soldato dimenticandosi di dar notizie su un sistema politico marcio e corrotto, facendo passare in sordina scandali come quello del MOSE di Venezia o del Monte Paschi di Siena, o ben guardandosi da parlare del sequestro dei due Fucilieri di Marina in india, su cui ci sarebbe da scrivere fior d' articoli su chi li ha rinviati in india, ci sarebbe anche da ricordare tutti i Caduti della Folgore e dell' intero EI  in missioni di pace, ma anche qui siamo sugli argomenti tabù.

Ci preme ricordare che i Paracadutisti della Folgore insieme a tanti altri nostri Soldati sono andati a farsi sparare addosso in Somalia, Libano, Iraq, Afghanistan, ex-Jugoslavia e/o altri luoghi dove spesso vi sono stati nostri  caduti, dove i nostri sono stati indispensabili per proteggere le popolazioni locali, per salvare scuole, chiese, donne bambini e anziani da massacri di pulizia etnica, a presidiare infrastrutture come centrali elettriche a costruire qualcosa di utile come pozzi di acqua, ma certo queste cose è facile ignorarle, non fanno notizia...

chiudo con una considerazione personale, io ( classe 1964 ) non ho svolto il servizio militare nella Folgore ma ho tanti carissimi amici che lo hanno fatto, che sono diventati uomini sani, ottimi cittadini e amorevoli padri di famiglia proprio grazie ai sacrifici affrontati per guadagnarsi il fregio col Paracadute e il Basco Amaranto,  a loro dedico con piacere questa canzone 



e un saluto con il loro classico grido 

FOLGORE !

Gli Italiani che non mollano i Marò, di Marianna Del Rio



Ricevo e pubblico volentieri l' appello della portavoce del " Club degli Incazzati " Marianna Del Rio, a proposito del caso di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone:

Dopo aver letto due tweet di Renzi e della Mogherini, ogni speranza ci abbandona! 
Tanto fieri dei risultati ottenuti in altre faccende estranee all' Italia e agli Italiani, solo una è la domanda che ci frulla in testa: 

Davvero così poco valgono le vite di due militari che durante l'esercizio del proprio dovere, vengono sequestrati e trattenuti in un paese che, a distanza di 2 anni e mezzo, non ha ancora deciso un capo d' accusa e gioca su una serie di rinvii a cui nessuno si oppone? 

Dov'è quella solidarietà tipica di cui l'Italia tanto si vanta verso tutti i casi umani del mondo? 

La vergogna si mescola al disgusto, nel vedere i nostri " politicanti " farsi in quattro e dimenarsi in strategie disarmanti, pur di far vedere il " nostro altruismo ", ma nulla fanno ed a quanto pare... nulla possono, di fronte alla sfrontatezza di uno stato che sequestra, non solo due Italiani, ma bensì due rappresentanti della nostra Marina Militare che stavano svolgendo una missione per conto della Stato Italiano! 

Con prove dubbie, accuse mai realmente formulate, rinvii senza ritegno! 

Fossero stati "bel altri personaggi" tutti avrebbero speso una parola per loro! 
Purtroppo, i nostri Max e Salvo, appartengono al "gruppo" sbagliato! 

Purtroppo solo gli Italiani con la "I" maiuscola, si interessano a loro... e noi valiamo meno di zero... rispetto al resto del mondo!

Per questo lanciamo l'ennesimo appello, che nessuno ascolterà... che arriva dal nostro cuore, sincero, spontaneo, ma soprattutto esasperato da questa assurda ed inascoltata vicenda! 
Stampa e Tv se ne fregano, ma noi perseveriamo nella nostra battaglia! 

Vi lasceremo in pace solo nel momento in cui Max e Salvo scenderanno da quell'aereo che finalmente li riporterà a casa! 


Marianna Delrio ( @maryvairus )


Marco Dell' Oriente  ( @cdincazzati )

Gli Italiani che non mollano i Marò

Renzi e i #Marò, di Rossella Ceriali

E dopo che il fenomeno Renzi fa tanaliberatutti (solo se stranieri e possibilmente africani) a costo di diventare ripetitiva io PRETENDO di sapere adesso quando anche i nostri marò saranno liberati. 
Eh si, perchè sono detenuti illegalmente in un paese dove stuprano e uccidono bambine di 8 anni da ben due anni e 5 mesi. 
Continuo a leggere di "formale scambio di vedute" con l'India (risale al 18 aprile se non sbaglio l'ennesima nota verbale alle autorità indiane senza nessuna risposta di ritorno) di " continuiamo a negoziare sottotraccia", "il silenzio del governo è un silenzio operoso, non una dimenticanza"..ma poi?? abbiamo aggiornamenti? abbiamo soluzioni? abbiamo i nostri soldati su un aereo di ritorno??
ah certo, poi ci sono state, oltre alle centinaia di festività (ma lavorano ogni tanto li?) anche le elezioni (durate un mese!!!) che hanno portato l'insediamento di un nuovo governo e quindi il dossier marò è stato esaminato solo a giugno con una prima richiesta di parere dal dicastero degli Interni e della Giustizia e certo un velo di speranza di un atto di clemenza dal premier Modi, da ultranazionalista quale è, c'è stata e continua ad esserci.
Ma di fatto fino ad oggi non è arrivata.
Ma l'Italia ha sempre come opzione, e ancora mi chiedo PERCHE' NON E' STATA USATA FIN DA SUBITO, l'attuazione dell'arbitrato internazionale.
Infatti se la memoria non mi inganna, in base alla Convenzione del diritto del mare è possibile fare appello ad un tribunale arbitrale scegliendo tra la Corte internazionale di giustizia e il Tribunale internazionale del mare (che ha sede ad Amburgo).
L'italia, con un nuovo collegio di giuristi, si è appellata al secondo, e alla Farnesina pare siano ottimisti nell'auspicare che anche l'India indichi quanto prima il suo.
Ma ovviamente vuoi che non ci siano di mezzo le vacanze estive? E allora se ne riparlerà poi a settembre....forse.
Nel frattempo abbiamo un Casini che ogni tanto si ricorda di essere il presidente della Commissione Esteri del senato che pare abbia interloquito con il segretario generale dell'Onu che difende con le unghie l'operato (QUALE?) della Mogherini continuando a ricordare con che fierezza e dignità ( e disperazione aggiungo io) il 2 giugno Max e Salvo hanno gridato la loro innocenza ribadendo che loro hanno sempre e solo eseguito degli ordini...
Inoltre dal suo punto di vista, ritiene ottimista il fatto che non ci sia più un'italiana al governo che poteva essere considerata di parte (che di fatto NON HA FATTO ASSOLUTAMENTE NULLA PER I RAGAZZI) e quindi certi pregiudizi dell'opinione pubblica indiana dovrebbero essere superati e pertanto, parole sue, "sono in corso contatti che è bene restino riservati".
Poi abbiamo l'Onu....che di fatto non ha mai preso posizione certa, decisa e severa in merito, e ha creato un dannoso e pericoloso precedente non riconoscendo un'autonomia funzionale alla missione dei fucilieri di Marina, ma appena Ban Ki Moon, il quale ha gia ricevuto mesi fa una petizione firmata da migliaia di sostenitori dei marò (io compresa), promossa non da un politico o da chi comunque volesse mettersi in mostra ma da uno di noi, che li ha a cuore e che soffre come noi insieme alle loro famiglie, ma che pare lo abbia messo in fondo ad un cassetto, si degnerà di incontrare Modi sicuramente tra i mille interessi con e dell'India, ha ripromesso di "parlarne".
E poi abbiamo la ministra Mogherini, che Casini continua ad elogiare per il suo "costante lavoro sul tema marò e che sarà ancora più efficace se sarà scelta come rappresentante della politica estera della Ue"
Eh ma nel frattempo la Ue ha fatti ben più importanti di cui occuparsi...Gaza...Israele...Russia...Ucraina...
No, Mare nostrum no! quello no, è solo nostrum!
Quindi, ad oggi, dopo due anni e 5 mesi io so solo che due soldati italiani, innocenti, che sono anche e dal mio punto di vista, PRIMA figli, fratelli, mariti e padri di famiglia, sono detenuti illegalmente da un paese che di democratico non ha nulla e parimenti appartengono ad un altro stato che li ha traditi e svenduti per 30 denari, perchè quando li abbiamo avuti qui a marzo dell'anno scorso, nonostante la promessa che non sarebbero tornati in India, nel giro di un'ora sono stati costretti a farlo.
E sappiamo bene tutti da chi.
Non so voi, ma io ho ancora ben vivo nella mia memoria lo sguardo disperato di due uomini che però in quanto soldati, con onore, fierezza e dignità tale hanno obbedito e sono tornati dai loro carcerieri, in un paese dove vige anche la pena di morte, nonostante sia di fatto vietato estradare in paesi simili..
Io sono stanca di tutti questi bla bla bla....
Io voglio ritornare ad essere fiera di questo paese.
#IOSTOCOIMARO'!


di Rossella Ceriali

mercoledì 23 luglio 2014

Le parole dei Bikers per i Marò, di Gaetano Maskio Picierro


Parole semplici dettate dal cuore quelle che leggerete oggi, esprimono quello che proviamo in tanti, tutti quelli che farebbero di tutto per i propri connazionali, a differenza di un governo che giorno dopo giorno trascura Max e Salvo e di riflesso il Popolo intero, leggete se potete cari Renzi, Mogherini, Pinotti, Monti, Letta, Bonino, Di Paola e caro Presidente Napolitano, leggete e vergognatevi di quello che NON fate per la nostra Nazione e i suoi Cittadini.


Ciao a tutti,
finalmente trovo il tempo da dedicare a voi, per scrivere a tutti quanti quanto io vi sia grato e quanta gioia mi ha dato sentire tanta vicinanza.
Naturalmente non mi fermerò a ringraziare ogni singola persona o ogni singolo gruppo per quanto dimostrato... chi ha fatto lo sa e ne può essere fiero.....
Quando ho avuto l'idea di questo evento i Clandestini Moto Club mi hanno subito supportato alla stessa stregua di quanto abbia fatto il Comitato BIkers FMI che la ha subito presa a cuore e la ha passata a tutti voi... e siete stati come un tuono... o come un lampo.. o tutti e due insieme....
Dalla partenza della staffetta è stato un vortice di emozioni, ho visto quanta gente sentisse quello ke sento io ed è stato bello sapere che non si è mai soli..... è stato bello conoscere personalmente o non alcuni di voi, è stato bello ricevere le telefonate di amici sconosciuti che pretendevano di incontrami lungo la strada ed esprimermi tutto il loro sostegno...
Sostegno non a me... ma a Massimiliano e Salvatore..... solo e tutto per loro e per le loro famiglie...
In questi due mesi tante cose sono successe.. non dimentichiamo la perdita del caro amico Giannicola cui va un saluto particolare .... tutte cose che fanno imparare, aprire gli occhi .... crescere......
Imparare che uniti si può essere.... sui gilè ci sono 1000 colori.... di tutte "le famiglie", dalla FMI ai free bikers agli HOG ai veri e propri MC che ci hanno onorati, onore mai visto prima, nel donarci la loro patch.
Questo è lo spirito dei bikers, questo è il cuore dei bikers.... questo significa essere fratelli... FRATELLO è UNA PAROLA CHE IMPLICA DEI DOVERI E DELLE RESPONSABILITA'... quindi non usiamola se non vogliamo prenderne atto.....
E noi, voi.... Fratello potete dirlo a MASSIMILIANO e SALVATORE, perchè nel chiamarli fratelli gli avete fatto una promessa... e la promessa la avete mantenuta. TUTTI.
Nel tenere il gilè tra le mani sentivo tutto il vostro calore ed i vostri cuori.... e questo calore lo indosseranno i nostri ragazzi.....
IL CUORE DEI BIKERS D'ITALIA E' CUCITO SUI GILE'. i BIKERS D'ITALIA HANNO DIMOSTRATO CHE NON STANNO A GUARDARE HANNO DIMOSTRATO DI ESSERE TUTTI INTORNO A SALVATORE E MASSIMILIANO ED ALLE LORO FAMIGLIE..... E NESSUNO, NESSUNO SI AZZARDI A DIRE IL CONTRARIO.... impeditelo!!!!
sto montando un video con alcune delle foto di tutto il viaggio... appena sarà pronto lo renderò pubblico.
Spero di non aver mancanto nei confronti di nessuno e di aver sollevato i cuori delle famiglie di Sal e Max.
Per concludere ringrazio chi mi è stata sempre sempre accanto...
Mia moglie Mariadele.
Ciao a tutti Gaetano "MASKIO"

lunedì 21 luglio 2014

selfiestorm x i nostri Marò


Continuano le iniziative di solidarietà per i Fucilieri di Marina incredibilmente sequestrati da ormai 883 giorni, di seguito l' invito ad aderire a un " selfiestorm " : 


Io e Marco (Club degli incazzati) vi invitiamo a partecipare al primo selfiestorm dedicato a Massimiliano Latorre e Salvatore Girone.
Le regole sono semplici...
* scrivi su un foglio (dal pc o a mano) :
#iosonomarò
* scatta una tua foto (o foto di gruppo), con ben in vista il foglio 
* pubblicala su facebook menzionando:
CLUB DEGLI INCAZZATI
*pubblicala su twitter menzionando:
#iosonomarò aggiungendo @cdincazzati o @maryvairus (o entrambi).

L'evento inizierà il 20 luglio 2014 ,e si concluderà il 03 Agosto 2014 .Non avete scuse, trovate 5 minuti x Max e Salvo!

Marianna Delrio @maryvairus
Marco Dell'oriente @cdincazzati











I Bikers per i marò, i loro "cuori" cuciti su due gilet



19 luglio 2014 San Giovanni Rotondo ( FG ), si è concluso il periplo dello stivale da dove era iniziato, dalla terra dei Fucilieri di Marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, la Puglia, un iniziativa di solidarietà dal forte valore simbolico, voluta da semplici cittadini Italiani che con due gilet hanno voluto testimoniare la propria vicinanza ai due Marò sequestrati da febbraio 2012 in India, i Bikers hanno voluto donare il loro "cuore", ovvero le toppe con i simboli di ogni motoclub cucite a mano una ad una sui gilet che verranno fatti pervenire ai Nostri Fucilieri tramite i loro familiari, di seguito una rassegna fotografica dell' evento tratta dalla pagina ufficiale FB : https://www.facebook.com/pages/Bikers-PER-I-MARO-Tutta-litalia-in-due-Gilet-Diario-del-Viaggio/764155286942132?ref=ts&fref=ts





















Significativa questa frase postata sulla pagina dell' evento e corredata dalle seguenti foto :


Tremavo tenendo tra le mani i gilè..... sembrava di avere tutti i vostri cuori tra le mani.... Grazie bikers...








fonte : https://www.facebook.com/events/309087115933166/?ref=22&source=1


Da parte nostra un sentito ringraziamento a tutti coloro che si sono prodigati per far sentire il nostro affetto a Max e Salvo, non sarete mai soli.

lunedì 14 luglio 2014

Due Gilet per i Marò, la fine del viaggio



Il cuore grande dei Bikers non si è fermato, continua a battere per Massimilano Latorre e Salvatore Girone, continua a portare solidarietà ai Fucilieri e alle loro Famiglie

Sabato 19 luglio si concluderà il cammino dei due Gilet a cui i Motoclub FMI dello stivale hanno voluto ci fosse la propria " pezza ", il simbolo di appartenenza a una grande famiglia, segnaliamo quindi l' atto finale che si svolgerà a San Giovanni Rotondo ( FG ), di seguito immagini e testi tratti dalla pagina e dall' evento Facebook di cui forniamo i link :

https://www.facebook.com/events/309087115933166/?ref=22

https://www.facebook.com/profile.php?id=764155286942132&ref=ts&fref=ts

Sabato 19 luglio terminerà il viaggio in tutta Italia dei Gilè per i nostri due Marò.
Dopo la partenza lo scorso maggio hanno attraversato tutte le regioni della penisola e tanti sono stati Bikers che li hanno accompagnati.
Ora il viaggio è finito, le patches donate con grande onore da tutti i Club che hanno aderito all'iniziativa, verranno cucite sui due Gilè e poi il giorno dopo saranno consegnati alla famiglia Girone e poi alla famiglia Latorre.
questi due eventi si inseriranno in un raduno del Comitato FMI presso I Fratelli Gargaros di San Giovanni Rotondo.
Il fratello di Salvatore GIRONE, Alessandro, verrà con la famiglia a fare le veci di Vania Ardito Girone in quel periodo in India così come la signora Paola Moschetti Latorre alla quale il Gilè di Massimiliano verrà consegnato al suo ritorno.
I dettagli sono ancora in fase di definizione. Tutti sono benvenuti sia per far strada con noi sia per assistere alla consegna.
Niente altro da fare che ringraziarvi tutti in anticipo



































Un doveroso ringraziamento a tutti i Bikers che hanno partecipato a questa iniziativa.