mercoledì 20 giugno 2018

Ecco chi è GEORGE SOROS

L'immagine può contenere: una o più persone e primo piano

Soros Georgie
1) E' condannato all'ergastolo in Indonesia e alla pena di morte in Malesia per speculazione sulle monete locali.
2) E' stato condannato dallo Stato francese per insider trading a pagare una multa di 2,1 miliardi di dollari. Appellatosi alla Corte Europea dei diritti dell'uomo, la condanna è stata confermata.
3) Dopo varie condanne in mezzo globo, da alcuni anni "lavora" principalmente da Londra.
4) E' il principale promotore della liberalizzazione della droga nel mondo, e attraverso l'Università di Harvard ha fatto raccomandare uno studio che propaganda la produzione ed il traffico di droga come rimedio agli eccessivi deficit di bilancio.
5) Secondo il Wall Street Journal, Soros è "la mano" dietro la quale negli ultimi anni si sono fatte massicce campagne di vendite allo scoperto da parte degli hedge fund ("fondi speculativi") con l’obiettivo di portare l’euro alla parità 1:1 con il dollaro, mentre allo stesso tempo chiede di rafforzare il sistema di governo sovranazionale dell'euro attraverso gli Eurobond, ed è un fortissimo sostenitore del TTIP.
6) Dopo la speculazione su Lira e Sterlina nel 1992, Soros guadagnò più di 2 miliardi di dollari.
7) In Italia, come "ringraziamento", invece di un mandato di cattura ha ricevuto 4 anni più tardi la laurea honoris causa all'Università di Bologna, consegnatagli direttamente da Romano Prodi.
😎 Sempre in Italia e sempre nello stesso anno (1996), ci fu anche un'inchiesta della Guardia di Finanza sui fatti del '92 per constatare se anche "influenti italiani abbiano operato illegalmente dietro banche e speculatori ricavando un guadagno accodandosi a Soros nella speculazione contro la lira".
Secondo "Il Mondo", tra i nomi c'erano quelli di Romano Prodi, Enrico Cuccia (ex Bankitalia e Mediobanca), Guido Rossi (quello poi divenuto famoso per "Calciopoli") e Luciano Benetton.
Ovviamente le Procure insabbiarono tutto in un amen.
9) Ritiratosi nel 2000 dalla carriera di "speculatore" per concentrarsi sulle sue "fondazioni", ebbe a dire: " Sono certo che le mie attività speculative hanno avuto delle conseguenze negative. Ma questo fatto non entra nel mio pensiero. Non può. Se io mi astenessi da determinate azioni a causa di dubbi morali, allora cesserei di essere un efficace speculatore. Non ho neanche l’ombra di un rimorso perché ho fatto un profitto dalle speculazioni. L’ho fatto semplicemente per far soldi".
10) Soros disse che i 10 mesi dell'occupazione nazista in Ungheria furono "i più belli della mia vita, così avventurosi...".
11) Soros finanzia Barack Obama dal 2004. E' il terzo azionista della IDG, "coop rossa" controllata dalla Lega delle Cooperative, cioè dal PD.
12) Soros ha ammesso in diretta televisiva alla CNN di aver finanziato la "rivoluzione colorata" dell'Ucraina di piazza Maidan per "favorire l'inserimento di una giunta amica degli Stati Uniti".
13) Ha ammesso chiaramente di aver finanziato in passato, tra le altre, la prima Rivoluzione Arancione in Ucraina, la Rivoluzione delle Rose in Georgia, la Rivoluzione dei Tulipani in Kirghizistan, la Rivoluzione Zafferano in Myanmar e la rivoluzione verde in Iran.
Non ha ammesso di aver finanziato i Black Bloc ed il Popolo Viola in Italia.
14) I suoi più grandi "seguaci" tra i politici sono stati e sono Tony Blair, Bill Clinton, François Mitterrand, Jacques Attali, Gerhard Schröder, Christine Lagarde, François Hollande, Romano Prodi, Marco Pannella, Julya Tymoschenko, Victoria Nuland.
15) Finanzia vari gruppi editoriali, come l'Huffington Post, vari movimenti "ambientalisti", vari movimenti "femministi" (come le Femen e le Pussy Riots).
16) Soros vorrebbe meno sovranità anche per gli USA, a favore di organismi sovranazionali come Banca Mondiale e Fondo Monetario Internazionale.
17) Soros si auto-definisce "un estremista ambientale", vede se stesso come "una figura messianica" e vorrebbe essere ricordato come "un efficace speculatore".
18) Finanzia ONG, arcigay, puttanate per i diritti umani ecc ecc.
19) Sky ha trovato manualetti per i migranti di sua eminenza George sulla rotta Balcanica.
fonte La Fenice

Borgo Mezzanone, viaggio nel luogo non luogo


Violenza a Borgo Mezzanone, il racconto della figlia


Cara di Borgo Mezzanone. 'Qui comandano i nigeriani', residenti in rivolta


Borgo Mezzanone, baraccopoli dimenticata dallo Stato


Provincia di Foggia: alle spalle del Cara c'è un villaggio abusivo dove i migranti vivono nel degrado. Molti sono gli ex ospiti del Centro stabilitisi qui al termine dell'identificazione. È il luogo ideale per i caporali alla ricerca di braccianti (Fabrizia Aralla)

fonte La7 Attualità

LA VERGOGNA BORGO MEZZANONE, LA "PISTA" COME UNA VERA CITTA'


A Borgo Mezzanone, località in territorio di Manfredonia ma più vicino a Foggia, accanto al Centro di accoglienza per richiedenti asilo (Cara) sorge uno dei ghetti per migranti più grandi d'Italia. Viene comunemente chiamata "pista". E' come una vera città, in continua espansione: ci sono bar, ristoranti, la discoteca e, per ciò che raccontano i migranti, anche droga e prostituzione.

fonte Antonio Procacci

martedì 19 giugno 2018

Benetton ha la faccia come il… fa pubblicità pro migranti e perseguita i Mapuche in Patagonia



Un gommone con a bordo decine di migranti soccorsi dalla ong Sos Med, ritratti da Kenny Karpov. E in basso a destra, il marchio: United Colors of Benetton. È questa la pubblicità provocatoria del gruppo, noto per le scelte radicali durante le campagne pubblicitarie.
Peccato che la stessa Benetton dal 1991 ha colonizzato le terre ancestrali della Patagonia argentina non solo per l’allevamento delle pecore schiavizzate per la produzione di lana (260.000), ma anche per quello di 9.700 bovini e 1.000 cavalli. Terre da sempre abitate dal popolo Mapuche.
Nel gennaio 2017, oltre ai rapimenti e alle torture combinate ai danni di diversi Mapuche e solidali, vennero sequestrati numerosi cavalli, come nel corso dell’azione di polizia del 2 febbraio 2018, quando gli appartenenti alla comunità Pu Lof vennero accerchiati e isolati fin dalle prime ore dell’alba e numerosi animali caricati e portati via da camion appartenenti alla Compagnia Tierra del Sud (ex The Argentine Southern Land Co) di proprietà della famiglia Benetton.
L’operazione di polizia del 10 gennaio 2017 ha portato alla demolizione di case, violenze su donne e ragazze e l’arresto di tre uomini oltre a quello di Ivana e alle altre 7 persone accorse sul posto per offrire supporto e cibo ai/alle resistenti. Per sapere di più leggi Benetton: soprusi contro gli indigeni argentini, Scomparso l’attivista Santiago Maldonado.
Sono anni che la multinazionale italiana perseguita il Popolo Mapuche per prendersi le loro terre e ora vuole passare per qualcosa che non è?
fonte http://www.politicamentescorretto.info/2018/06/19/benetton-ha-la-faccia-come-il-fa-pubblicita-pro-migranti-e-perseguita-i-mapuche-in-patagonia/