sabato 22 ottobre 2016

814 migranti a Reggio Calabria: pidocchi, scabbia, ferite di arma da fuoco

scabbia

REGGIO CALABRIA, 22 OTT – C’è un ferito per un colpo da arma da fuoco tra gli 814 migranti sbarcati questa mattina nel porto di Reggio Calabria a bordo della nave Bourbon Argos di Medici Senza Frontiere. Il gruppo è composto da 814 migranti, 716 uomini, 81 donne e 17 minori. Dieci delle donne sono incinte e tre, che sono all’ottavo mese, sono state trasferite in ospedale per controlli.
Cinque migranti, inoltre, presentano fratture alle gambe. Le nazioni di provenienza sono Senegal, Nigeria, Guinea, Congo e Siria. Sono stati rilevati alcuni casi di pediculosi e scabbia.
Secondo il piano predisposto dal Ministero dell’Interno, i migranti saranno distribuiti cento in Veneto, cento Lombardia, cento in Piemonte, cento in Toscana, 101 in Emilia Romagna, 100 nel Lazio, 100 in Puglia e 14 in Umbria. I restanti 100 resteranno in Calabria e saranno distribuiti tra tutte le province calabresi ad eccezione di quella di Reggio. I minori non accompagnati sono in via di quantificazione. ANSA
::::::::::::::::::::::::::::::::::
Arriveranno domani mattina alle 8 al porto commerciale di Augusta i 619 migranti, frutto di quattro eventi di recupero nel canale di Sicilia.
In totale sono circa 5 mila i migranti recuperati nelle ultime ore: Nave Siem Pilot ha a bordo 908 migranti e 4 cadaveri frutto di 9 eventi; Nave Topaz Responder con 413 migranti dovrebbe arrivare al porto di Vibo Valentia alle ore 12 di oggi; Nave CP Gregoretti ha sbarcato in nottata 317 migranti a Lampedusa mentre altri 467 migranti e un cadavere dovrebbe trasferirli a Napoli domani mattina alle ore 8; Nave Bourbon Argos con 814 migranti è arrivata stamane a Reggio Calabria. Infine ancora da stabilire la destinazione per Nave Acquarius con 285 migranti da 4 eventi; Nave Werra, con 412 migranti da 3 eventi; Nave Beckett con 772 migranti.
fonte http://www.imolaoggi.it/2016/10/22/814-migranti-a-reggio-calabria-pidocchi-scabbia-ferite-di-arma-da-fuoco/

Nessun commento:

Posta un commento