venerdì 23 gennaio 2015

PERCHE' SI DICE IN BOCCA AL LUPO?



A volte usiamo alcune frasi per esprimere ciò che desideriamo o che vorremmo accadesse o anche per augurare a qualcuno "qualcosa". L'augurio di " in bocca al lupo " rientra tra queste frasi. Per questo motivo a questo augurio siamo soliti rispondere con la classica risposta “Crepi!”. 

Bene, è arrivato il momento per tutti di non rispondere più così. E il motivo è spiegato sul sito dell'Accademia della Crusca uno dei punti di riferimento per la ricerca sulla lingua italiana, dove si trova scritto che questo augurio fu creato dall’uomo perchè il lupo è stato da sempre considerato un pericolo, un nemico, un ostacolo da superare.Dunque, la conseguente risposta “crepi il lupo” significa che si spera di riuscire a scongiurare il pericolo, vincere il nemico, e superare l’ostacolo.

Il lupo è un animale che ha sempre affascinato l'immaginario popolare. 

E' stato oggetto di parecchie superstizioni, una molto antica che va situata nel contesto dell' antica Roma, che prescriveva di spargere grasso di lupo sulla porta di casa di una coppia appena sposata a scopo augurale. Anche i denti e la pelle dell’animale erano ritenuti in grado di favorire la buona sorte, infatti con questi elementi si era soliti costruire dei veri e propri amuleti.

L’ululato del lupo era ritenuto capace di preannunciare guerre e carestie e si credeva inoltre che lo sguardo dell’animale è in grado di privare della capacità di pronunciare le parole. Credenze che vanno rapportate in un quadro prettamente rurale, in cui gli uomini si sentivano minacciati da questo animale, al quale anche nella tradizione fiabesca vengono attribuite caratteristiche negative e malvagie. L’immaginario collettivo non ha mai risparmiato l'idea che il lupo avesse comportamenti terribili, basti pensare per esempio al famoso lupo cattivo in grado di far spaventare i bambini capricciosi. 

Modi ed espressioni culturali che affondano le radici in epoche lontane in cui necessità di sopravvivenza e associazioni immagnarie si intrecciavano a comporre culture, le cui tracce si possono ravvisare ancora oggi. Secondo una credenza antica l’animale sarebbe stato creato da Satana. 

Nella realtà, il lupo si costruisce la tana in luoghi sicuri e segreti e riuscire a trovarla è una cosa rara. Per istinto sposta i propri cuccioli in bocca, soprattutto in vista di un pericolo: Un lupo che sta difendendo i suoi cuccioli è quanto di più feroce possa esistere .

I cuccioli , quando li tiene in bocca , sono protetti al massimo . Quindi augurare a qualcuno di trovarsi in bocca a questo splendido animale è un modo per auspicargli di essere protetto e guidato da uno spirito forte e maestoso come quello del lupo. Anche Romolo e Remo furono allevati da una lupa che li trovò, li allattò e li portò in bocca fino ad una grotta per proteggerli.

Quindi , all’augurio “In bocca al lupo” E' bene rispondere con“Lunga vita al lupo” oppure “Evviva il lupo” o semplicemente “Grazie”.

Basta dunque superstizioni che provocano oltretutto stragi di cuccioli e di animali che vivono solo ed esclusivamente del loro istinto naturale

Marilina Fenice Grassi


Nessun commento:

Posta un commento