lunedì 6 ottobre 2014

IL PAPÁ DI KON TIKI , THOR HEYERDAL OGGI COMPIE 100 ANNI

L'idea di scrivere questo articolo è nata dalla odierna ricorrenza ,del centesimo compleanno di Thor Heyerdal che mi ha fatto ripensare ad un pezzo della mia adolescenza , quando mi fu regalato il famoso libro dove lui descriveva la sua spedizione per un viaggio a bordo di una zattera chiamata Kon-Tiki nel 1947, e che divenne un best seller internazionale che ricordo mi avvinse molto durante la lettura . Un'altro motivo di questo scritto è il fatto che Thor visse e morì in Liguria e per la precisione, a Colla Micheri, un borgo medievale edificato sulla collina fra Laigueglia e Andora, lungo il tratto dell’antica via romana Julia Augusta, e dove per oltre trent’anni, scelse di vivere per la rara bellezza della la posizione e per il clima di questo luogo. Poi ho anche un'altro motivo personale per cui ho deciso di stendere questo scritto , ma lo dirò alla fine.
Chi fu Heyerdal? Fu uno scrittore, un'esploratore, un'archeologo ma anche regista di documentari e di films. Nato il 6 Ottobre del 1914 a Larvik in Norvegia, studiò all'Università di Oslo specializzandosi in Zoologia che laureatosi in biologia a Oslo, divenne poi antropologo delle Isole del Pacifico. Durante la seconda guerra mondiale, Heyerdahl servì nel Free Norvegian Military Group, come un paracadutista. Ma ci fu un evento che cambiò il corso della sua vita , quando per la prima volta egli sentì narrare la leggenda del Kon-Tik da un altro norvegese, Henry Lie, residente a Fatu Hiva nelle Isole Marchesi, dove Thor e la sua prima moglie Liv si ricarono col proposito di stabilirvisi per studiare piante e animali selvatici e dove il loro amico vi risiedeva già da trent’anni. Henry gli mostrò alcune statue di pietra , completamente simili a quelle di un altro ritrovamento in Colombia. Il Kon Tiki fu legato in modo indissolubile al suo nome. I suoi studi furono utili all'antropologia del dopo guerra, perché cercò di dimostrare che i Polinesiani avevano legami ancestrali agli antichi peruviani. Questa teoria andò contro tutto il prevalente pensiero scientifico dell'epoca, poichè sostenne che le isole erano popolate da persone provenienti dall'Asia meridionale. E per provare questo, arruolò 5 amici che si aggregarono a lui durante questo viaggio che lo rese popolare per l'intrepidezza dell' impresa, che si compì nel 1947. Fu una traversata di 4.300 miglia che partì dalle sponde dell’America del Sud per arrivare alle Isole Tuamoto che egli intraprese appunto con Kon-Tiki ,una zattera di 40 piedi costruita con legno di balsa, giunco e papiro,il cui significato è Dio del Sole, e del tutto simile a quella usata anticamente . Lo scopo era di dimostrare che gli Inca, e non solo loro, avrebbero potuto attraversare l’Oceano e raggiungere e colonizzare la Polinesia. Una spedizione preparata nei minimi particolari in modo da poter utilizzare, per quanto possibile, tutti i metodi e le tecnologie disponibili a quel tempo, uno dei viaggi più straordinari del XX secolo, destinato a divenire storia. Heyerdahl e il suo equipaggio partirono da Callao , in Perù e trascorsero 101 giorni in mare , per poi infrangersi sulla riva di un atollo disabitato nei pressi di Tahiti . Durante il loro pericoloso viaggio , Heyerdahl e il suo equipaggio affrontarono mari agitati , squali e balene. La spedizione potè realizzarsi grazie a sponsorizzazioni private e da parte dell'Esercito Americano,ricevettero alcune attrezzature e viveri, mentre l'autorità Peruviana, fornì loro uno spazio in un porto nei pressi di Lima per la costruzione della zattera. Il suo viaggio iniziò il 28 Aprile 1947. Successivamente , nel 1970 attraversò l'Atlantico dall'Africa sulla barca Ra II di canna, per dimostrare che gli antichi egizi avrebbero potuto battere Colombo e i Vichinghi . Poi con il Ra I un un'ulteriore viaggio salpò per le Barbados ma l'imbarcazione si ruppe. Nel 1978 , salpò per il Medio Oriente e l' Oceano Indiano sulla nave Tigri fatta di canna , per imitare antiche le antiche rotte commerciali . Costruì sue teorie su osservazioni semplici di piramidi costruite dagli Aztechi in Messico sostenendo di essere simili a quelle in Egitto , mentre i cani e patate dolci sulle isole del Pacifico sono come quelle del Sud America .


L’omonimo museo Kon-Tiki, inaugurato nel maggio del 1950, per oltre 40 anni fu diretto da Knut Haugland, membro dell’equipaggio, mentre oggi a dirigerlo è Thor Heyerdahl jr., primogenito del grande capo spedizione norvegese. Heyerdahl dopo questo viaggio avventuroso, proseguì nel suo lavoro con numerosissimi altri viaggi ed esplorazioni archeologiche tra Oceano Pacifico, Atlantico, Galapagos, Isola di Pasqua, Perù, isole Canarie e, infine, in Russia nel Mar d’Azov,che fu la sua ultima spedizione, interrottasi a causa dall’aggravarsi delle sue condizioni di salute che lo portò in seguito alla morte. Thor scoprì Colla Micheri mentre era alla ricerca di un luogo salubre dove poter trascorrere la sua convalescenza e se ne innamorò totalmente trasformando un paese allora abbandonato in un accogliente e ridente borgo e dove si stabilì sino alla fine dei suoi giorni. La figlia Marian ( di 5 figli di cui 2 maschi e 3 femmine ), che gli somiglia anche molto fisicamente, di professione scultrice ,di lui disse : “Egli scelse questo luogo magico perché si trova tra le montagne e il mare, questo era ciò che lo affascinava. Secondo me vivere qui era per lui come una forma di meditazione perché qui il mare è molto calmo e, senza luce, scriveva i suoi libri sulla cima della torre… Io pure sono ispirata non solo dalle idee di mio padre ma anche da questo mare bellissimo e questo luogo incantevole”. Lei fu l'unica ad ereditare anche se in forma diversa, la passione per la ricerca di popoli e culture lontani. A questo punto devo dire il terzo e peraltro semplicissimo motivo della stesura di questo articoletto e di cui mi scuso proprio per la sua semplicità che consiste nella mia comparazione con la figlia Marian circa l'eredità degli interessi del padre e della somiglianza, poichè anch'io somiglio moltissimo al mio e anch'io da lui ho preso la maggior parte degli aspetti del carattere e degli interessi. 
Ottenne l’Oscar 1952 nella categoria documentari per Kon-Tiki,e la nomination nel 1972 per il film Ra

Thor Heyerdal morì dopo aver smesso di alimentarsi , idratarsi, e cessando anche medicinali verso i primi di aprile, dopo la diagnosi di tumore al cervello in fase terminale  ma con la sua famiglia al fianco , in silenzio e pacificamente ", Disse a Reuters suo figlio maggiore , Thor Heyerdahl Jr. . " Lui non si svegliò più per durante gli ultimi 3 giorni"
Le immagini in bianco e nero sono tratte dal mio libro Kon Tiki

di  marilinalincegrassi (Diritti riservati © )














Nessun commento:

Posta un commento