venerdì 27 febbraio 2015

INCHIESTA DEL TELEGRAPH SUI PALAZZI DI BRUXELLES: ''BUROCRATI CORROTTI, LADRI, MOLESTATORI SESSUALI, PORNOGRAFI'' (BOOM!)

Il britannico "Telegraph" pubblica un articolo-inchiesta devastante che scoperchia il verminaio dentro i palazzi di Bruxelles dell'Unione europea. Leggiamo:
"Dentro agli edifici luccicanti che costeggiano Rue de la Loi a Bruxelles, i comportamenti indecorosi vengono spesso puniti con poco più che una bacchettata sulle dita. Funzionari della Commissione Europea hanno gonfiato la nota spese, molestato sessualmente le colleghe e guardato centinaia di ore di pornografia in ufficio – ciononostante mantengono il loro posto di lavoro.
I registri disciplinari ottenuti dal Sunday Telegraph mostrano che dozzine di alti funzionari della Commissione Europea accusati di gravi mancanze disciplinari se la sono cavata con poco più che una bacchettata sulle dita. Si parla anche di funzionari che hanno presentato fatture false e cercato di assegnare gli appalti che avevano in gestione a membri della propria famiglia.
In due anni, l’Ufficio Investigativo e Disciplinare della Commissione (IDOC) ha svolto indagini su 84 casi sospetti di comportamenti scorretti da parte dei funzionari. Di questi, 43 sono stati sanzionati, e sei licenziati. La vita alla Commissione è spesso ben ricompensata. Uno su cinque dei membri dello staff porta a casa più soldi di David Cameron, che riceve 142.000 sterline (oltre 190.000 euro) all’anno, grazie a generose indennità e a un’aliquota fiscale speciale del 13 percento.
Eppure alcuni impiegati la considerano una gabbia dorata, con il personale che non ha niente da fare e si annoia, e tuttavia non riesce a trovare una retribuzione paragonabile da nessun’altra parte. Tra quelli beccati a violare le regole, e che tuttavia hanno mantenuto il loro posto di lavoro, ci sono quattro funzionari che hanno omesso di dichiarare gli assegni familiari che ricevevano dai paesi di provenienza mentre lavoravano per la commissione – il che significa che hanno ricevuto da parte della Commissione più assegni di quelli che sarebbero loro spettati.
Questo atto di “negligenza grave” ha comportato una “significativa perdita finanziaria” ed è stato scoperto solo per caso. I funzionari sono stati retrocessi di grado, due solo temporaneamente. In un altro caso, un funzionario ha mentito sulla propria nazionalità durante il procedimento di assunzione, “ed ha presentato dei documenti falsificati“. È stato retrocesso per un anno.
Un altro funzionario, che ha mentito sulla propria nazionalità per ricevere una maggiore indennità di dislocazione, è stato retrocesso. Si trattava di una seconda violazione, ma al funzionario è stato permesso di restare al suo posto dopo aver manifestato “pentimento“. In un altro caso, un “alto funzionario” della Commissione che aveva irregolarmente ricevuto per molti anni delle “consistenti” somme come indennità di locazione, ha avuto la pensione sospesa per tre anni.
Un altro burocrate ha ricevuto per quattro anni delle indennità familiari, per istruzione e spese mediche per il figlio, con una truffa “persistente e deliberata” – perché il giovane in realtà lavorava. Il funzionario ha avuto la pensione sospesa per tre anni a seguito di una condanna penale.
Un funzionario è stato ammonito per aver presentato all’amministrazione dei certificati medici “falsificati“,  dopo che il suo medico si era rifiutato di fargli una diagnosi. In un altro caso un funzionario ha richiesto un periodo di aspettativa “per motivi personali“, mentre “allo stesso tempo, senza avere richiesto preventiva autorizzazione, offriva servizi alla Commissione come consulente esterno remunerato“. Ha subito un richiamo verbale.
Il registro mostra che un funzionario è stato licenziato per “appropriazione indebita” – mentre altri, accusati di aver cercato di procurare posti di lavoro e appalti a membri della propria famiglia, hanno mantenuto il proprio posto.
“Un membro del personale che ha raccomandato persone di sua conoscenza, inclusa la cognata, all’ufficio della Commissione  competente per l’assegnazione degli appalti, al fine di far loro ottenere un impiego, ha subito un richiamo. Dato che è anche il responsabile per l’esecuzione degli appalti, si è messo in una situazione di conflitto di interessi che potrebbe avere degli effetti negativi sulla reputazione dell’Istituzione“, riporta il registro.
In un altro caso: “È stato ammonito un membro del personale che ha chiesto una fattura falsa per un membro della propria famiglia, durante l’esecuzione di un appalto di cui era responsabile. La natura isolata dell’incidente è stata presa in considerazione, per cui non è stato aperto il procedimento disciplinare“.
Un altro funzionario è stato ammonito dopo “aver fatto uso di un veicolo di proprietà di un appaltatore della Commissione allo scopo di trasportare i suoi effetti personali. Sebbene egli fosse responsabile dell’esecuzione dell’appalto con la parte in questione, la natura limitata del servizo e la natura isolata dell’incidente hanno fatto sì che in questo caso l’apertura del procedimento disciplinare non sia stata ritenuta giustificata“.
Il registro rivela diversi casi di comportamenti violenti e lascivi all’interno degli uffici della Commissione Europea a Bruxelles. In un caso: “Un membro del personale è risultato responsabile di aver scaricato 100GB (equivalenti a 200-300 ore di video online) di materiale pornografico da più di 100 siti web; è stato retrocesso. Il fatto che si trattasse di una seconda infrazione ha rappresentato un’aggravante“. Un altro è stato sanzionato per uso “frequente e intensivo” di siti pornografici.
Un altro dipendente ha ricevuto un rimprovero “per comportamenti di natura esplicitamente sessuale verso due colleghe sul posto di lavoro“, mentre un altro è stato punito per “aggressione fisica e affermazioni ingiuriose verso un collega, le quali non possono essere giustificate da stato di stanchezza provocato da intenso lavoro“.
Un altro funzionario che ha usato la propria posizione per accedere ai dati personali di un collega “per fini personali“, è stato ammonito. Tra i funzionari licenziati c’è un appaltatore che ha presentato un diploma contraffatto durante il procedimento di assunzione, e un funzionario che “per diversi anni” si è rifiutato di svolgere il proprio lavoro, che egli “considerava essere al di sotto del livello della propria formazione accademica“.
Peter Bone, parlamentare conservatore di Wellingborough, dice: “Sembra che i burocrati dell’UE vivano in mondo separato, con regole proprie, totalmente diverso da quello dei normali governi. Se queste cose fossero state fatte da dei pubblici ufficiali britannici, sarebbero stati licenziati.” “Questi fatti dimostrano che l’UE non è nell’interesse dei cittadini europei, ma nell’interesse dell’élite di Bruxelles“.
Un portavoce della Commissione Europea ha affermato: “La Commissione è una della istituzioni più trasparenti per quanto riguarda le questioni relative al suo personale. Ha un approccio equo, imparziale ed efficace verso le questioni disciplinari e non esita a imporre gravi sanzioni quanto trova evidenza di illeciti, incluse retrocessioni e licenziamenti“.
Ovviamente, mentiva.
Autore dell'articolo: Matthew Holehouse per The Telegraph.
link: www.telegraph.co.uk/news/worldnews/europe/eu/11427479/Sex-pest-cases-fraud-or-porn-but-Eurocrats-keep-their-jobs.html 
Traduzione a cura di Vici dall'Estero - che ringraziamo.
http://www.ilnord.it/c-4086_INCHIESTA_DEL_TELEGRAPH_SUI_PALAZZI_DI_BRUXELLES_BUROCRATI_CORROTTI_LADRI_MOLESTATORI_SESSUALI_PORNOGRAFI_BOOM

INCHIESTA DEL TELEGRAPH SUI PALAZZI DI BRUXELLES: ''BUROCRATI CORROTTI, LADRI, MOLESTATORI SESSUALI, PORNOGRAFI'' (BOOM!)

Nessun commento:

Posta un commento