sabato 21 giugno 2014

I due Marò, 28 mesi tra sequestri, ministri, media assenti, affari ( elicotteri e portaerei ) bugie e promesse.


21 giugno a chi giova questa odissea ?
Siamo costretti vista l' assenza dei media tradizionali a ripercorrere dall' inizio questa vicenda, l' odissea infinita a cui sono sottoposti i Fucilieri di Marina Latorre e Girone praticamente sequestrati dal 16 Febbraio 2012
lo faremo attraverso una serie di estratti, di dichiarazioni e di fatti noti a tutti ma nascosti da troppo tempo, correderemo questo articolo con contributi video e link utili ad avere un quadro critico per sostenere le ragioni dell' innocenza e cercare di dare una scossa all' opinione pubblica e a chi si trova a gestire questa vicenda attualmente, ovvero ai Ministri Mogherini e Pinotti e al Presidente del Consiglio Renzi.

Il 14 febbraio 2012 un comunicato della Marina Militare ci  informò che " intorno alle 16 ( ora indiana ) un nucleo di protezione militare ha respinto un assalto di una barca pirata alla petroliera Enrica Lexie "
Il 15 febbraio 2012 in un intervista a una TV indiana il proprietario del peschereccio oggetto di proiettili su cui vi furono vittime, appena rientrato in porto dichiarò " intorno alle 9'30 sono stato svegliato da un forte rumore... "
Il 16 febbraio 2012 apprendemmo tramite una dichiarazione dell' Ambasciatore San Felice di Monteforte ad una TV Indiana che " l' Italia intende cooperare con le autorità di Delhi per chiarire i fatti dell' incidente avvenuto al largo della costa indiana che ha coinvolto la petroliera Enrica Lexie "
Il 18 febbraio 2012 apprendemmo che " i nostri due Fucilieri sono scesi dalla nave invitati a consegnarsi per un gesto di cortesia ".
Seguiranno prove balistiche, analisi patologhe e rapporti di polizia su cui nasce il dubbio di falsificazioni, in un primo momento l' analisi dei colpi ritrovati suggerisce l' impiego di calibri 7,62 e poi corretto a 5,56 ( armI in dotazione ai fucilieri ) dubbi molto reali tanto che dalla perizia i fucili da cui sarebbero partiti i colpi risultano assegnati ad altri componenti del Team di protezione ovvero i Fucilieri Andronico e Voglino, il peschereccio oggetto dei colpi viene velocemente periziato e lasciato affondare, inoltre dalle foto in possesso della perizia sullo stesso le traiettorie dei colpi ricevuti appaiono orizzontali mentre i colpi dissuasivi sono stati esplosi da un altezza di 20 metri sul livello dell' acqua, i corpi delle vittime dopo la frettolosa perizia vengono cremati e i pochi strumenti presenti sul peschereccio vengono fatti sparire, inoltre ai test balistici e all' autopsia non vengono ammessi periti di parte Italiana, fatto questo che la dice lunga sulla volontà indiana di aggiustare le prove...
Il 13 marzo 2012 l' allora Ministro degli Esteri Giulio Terzi al Senato " ... una volta che la nave era entrata in porto ci siamo opposti alla discesa a terra dei due Marò. Tuttavia le autorità Indiane hanno compiuto azioni coercitive nei confronti dei nostri militari per farli scendere a terra ".
Il 16 marzo 2012 Paolo Brera su Repubblica pubblicava un intervista a Latorre che dichiarò " siamo scesi dalla nave perchè ci è stato detto di farlo ".
Marzo 2013 finalmente viene divulgata un intervista a Carlo Noviello, comandante in seconda della petroliera Enrica Lexie che dichiara " non sono stati i Fucilieri a uccidere i pescatori la barca coinvolta era un altra ".
Sempre nel 2013 ai Fucilieri viene concesso di rientrare in Italia per una licenza elettorale, il M.A.E. Terzi decide di trattenerli in patria come giustamente sarebbe dovuto esser per questioni di immunità funzionale, diritto internazionale e norme costituzionali Italiane, e scoppia la grana, la disputa con l' India accomodata in una riunione del Consiglio dei Ministri con forti pressioni dell' allor Ministro dello sviluppo economico Corrado Passera  a cui il Presidente del Consiglio Monti acconsente a rispedirli in mani Indiane, vicenda che porterà alle dimissioni del M.A.E. Terzi annunciate in parlamento subito dopo, tutto questo nonostante la procura militare avesse aperto un fascicolo di indagine da un anno e vi fosse depositato un esposto volto a trattenerli in Italia già da tempo.
Nel 2013 inoltre grazie a Toni Capuozzo e alla trasmissione Televisiva " mezzi toni " viene svolta un indagine che grazie all' impegno del Perito di parte civile Luigi Di Stefano ( perito di parte civile nel caso Ustica ) e di Stefano Tronconi rende evidenti le falsità indiane e apre alle " ragioni dell' innocenza " supportate da prove e perizie ormai arcinote.
Il 2013 scivola via grazie all' impassibilità del nuovo M.A.E. Bonino a dir poco assente sull' intera vicenda, una gestione del Ministero piena zeppa di abbandoni verso i Fucilieri di Marina, finalmente nel 2014 il Ministro della Difesa Mauro ospite del conduttore Gilletti a " L' arena di Domenica In " dichiara che " siamo certi dell' innocenza dei nostri Fucilieri ".
Sempre nel 2014 in occasione di un viaggio in India di una commissione di parlamentari il Capo Massimiliano Latorre si rivolge ai giornalisti presenti chiedendo loro di " raccontare la verità ", ahimè appello ignorato dai media.
Il 2 giugno in videoconferenza dall’ ambasciata Italiana assistiamo in diretta alle rivelazioni di Salvatore Girone “ abbiamo ubbidito agli ordini “, ordini di rientrare volontariamente in India per non turbare affari milionari magari seguiti da false rassicurazioni su un loro pronto rientro in Patria ?

Arriviamo ad oggi con molti dubbi sui fatti propinatici dalla fonte indiana, con alle spalle un processo sulle tangenti indiane per la commessa degli elicotteri appaltati a Finmeccanica, con tutti gli affari intercorsi tra Italia e India tra cui la costruzione della portaerei Indiana Vikrant con la collaborazione di Fincantieri e Otomelara, con una gara d' appalto per Fucili d' assalto in cui concorre l' italiana Beretta, con altri affari rivelati da questo blog di cui forniamo i link, troverete qui molto materiale da leggere e su cui ci piacerebbe ricevere smentite, anche se ci speriamo poco visto il connubio tra affari e politica ( vedi elezioni indiane ), tra bugie e insabbiamenti, chi ha dato gli ordini ?

Qualcuno sta speculando sulla pelle di due Soldati e di due Famiglie Italiane…
I nostri Marò sono innocenti !
Di seguito tutti i contributi video e i link degli articoli citati






























Nessun commento:

Posta un commento