martedì 8 maggio 2018

IL COLPEVOLE O PEGGIO IL CARNEFICE DELL’ITALIA.





Queste ottime sintesi  centrano il problema che ha portato al blocco istituzionale attuale.
Le colpe di Mattarella sono gravissime, perché come membro della Corte Costituzionale aveva affossato il PORCELLUM come incostituzionale e poi accetta senza fiatare di firmare una legge elettorale che tutti gli esperti non a libro paga avevano stroncato come pessima e foriera di ingovernabilità.
La cosa davvero grave è che questa legge elettorale è stata studiata proprio per non avere maggioranze politiche e per preparare il governo tecnico (con ministri che si impegnino a non candidarsi alle prossime elezioni) che farà entrare l’Italia nella GIOSTRA INFERNALE ALLA Greca.
Quindi quello che sembra casuale a mio parere è stato accuratamente studiato per poter fare un governo di “tecnici” per poter fare MACELLERIA SOCIALE senza che alcun partito si prenda la responsabilità diretta.
Sarà molto “interessante” vedere chi appoggerà il governo manganello-economico-fiscale e i provvedimenti come la patrimoniale sugli immobili che è in gestazione e che devasterebbe il principale risparmio in mano agli italiani e aprirebbe i cancelli per far entrare gli stranieri che si accaparreranno asset  immobiliari a prezzi stracciati causa abnorme carico fiscale strategicamente programmata.
Ribadisco l’appello a M5S e Lega/CdX: qui siamo davanti a un problema di salvezza nazionale, mettetevi d’accordo per fare un governo VERO che superi le MENZOGNE INCANCRENITE con cui ci stanno SCHIAVIZZANDO e che ribalti il sistema USUROCRATICO che ci domina.
Italia libera, sana, equa, sostenibile e soprattutto SOVRANA.
Se volete approfondire ecco un bellissimo dibattito molto vivo e coinvolgente!

STUPENDA LA SINTESI DEL VERO COSTITUZIONALISTA MADDALENA.
Caro Mattarella ascoltalo bene il tuo ex “collega” MADDALENA E VERGOGNATI!
CARI SALVINI, DI MAIO, BERLUSCONI E MELONI ANCHE VOI ASCOLTATELO BENE!
Marco Santero
fonte https://scenarieconomici.it/il-colpevole-o-peggio-il-carnefice-dellitalia/

Nessun commento:

Posta un commento