lunedì 23 settembre 2013

Il M.A.E. e l' ONU


23 settembre 2013, giorno 582

Puntuale come un orologio svizzero questa mattina sono arrivate nuove dichiarazioni del M.A.E. Bonino, riferite all' assemblea generale ONU che inizia in questa settimana, e con sommo stupore viste le poche e scarne sue precedenti leggiamo : 
Il ministro degli Esteri Emma Bonino, a New York per partecipare all'assemblea generale dell'Onu, ha sottolineato come il governo italiano sia "costantemente in contatto con le autorità indiane" per il caso dei marò. "E' chiaro che queste mie giornate all'assemblea generale dell'Onu potranno darmi l'opportunità per affrontare anche questo delicato tema", ha aggiunto la Bonino.

FONTE : tgcom24.mediaset.it


Risulta difficile crederle, del resto nella mente di tutti noi sono scolpite le parole "FAST & FAIR"
da lei pronunciate qualche mese addietro, un chiaro segnale di come la novella Ponzio Pilato intendesse gestire il caso.

Per fortuna ci sono tanti cittadini che hanno deciso di non rimanere impassibili di fronte a questo scempio messo in atto da una serie di personaggi politici e militari e come evidenziato anche ieri nella trasmissione "mezzi toni" con l' intervento di Luigi di Stefano che ha spiegato molto bene (nonostante il poco tempo a disposizione ) come  siano stati calpestati i diritti della difesa con una serie di soprusi che il famoso rapporto Piroli ha avallato inspiegabilmente

per chi si fosse perso la puntata :
http://www.video.mediaset.it/video/mezzi_toni/clip/408972/puntata-del-22-settembre.html


inoltre è presente da tempo in rete un interessante articolo :  https://www.facebook.com/notes/enrica-lexie-analisi-tecnica/le-ragioni-dellinnocenza-the-reasons-of-the-innocence/498225370259338


Abbiamo ragionevoli dubbi sulla effettiva colpevolezza dei nostri uomini, e di contro abbiamo una certezza, qualcuno ha fatto in modo che in Italia non si sapesse nulla al riguardo, che l' opinione pubblica non venisse a conoscenza di questo pasticcio colossale che in altri paesi avrebbe fatto come minimo cadere il governo, oltre che avviare un inchiesta sulle responsabilità effettive dei vertici politico/militari. 
Ma la cosa che ancor più lascia basiti è la gestione apatica del M.A.E. Bonino, non creda che questa dichiarazione odierna serva a qualcosa, non creda che abbandoneremo i nostri Uomini nelle mani dell' inviato speciale Staffan De Mistura, non creda che accetteremo un suo silenzio all' assemblea generale ONU su questa farsa colossale.

Se verrà mantenuta questa congiura del silenzio il 13 ottobre p.v. ci sara' un evento aperto alla partecipazione dei singoli cittadini, quegli stessi cittadini che sono stanchi di vedere attuata la linea arrendevole del non "fare" attuata da 581 giorni da chi invece dovrebbe tutelare gli interessi dei cittadini di questa nazione

La partecipazione a questo evento è possibile a tutti aderendo all' evento stesso tramite questo link : https://www.facebook.com/events/1417046985185458/?ref=3&ref_newsfeed_story_type=regular 


Ora siamo stanchi, vogliamo un intervento formale all' ONU,  non promesse !
Ora siamo stanchi, vogliamo sentire dalla voce del M.A.E. certezze, non promesse !
Ora siamo stanchi, vogliamo il ritorno immediato dei nostri Fucilieri, non promesse !


A che serve la nostra presenza nelle missioni internazionali, se il governo non tutela i propri soldati ? A che serve l' aiuto dato dai nostri soldati se poi loro stessi verranno abbandonati al minimo incidente, i nostri due ultimi premier, il caro Senatore Monti e il caro Presidente Enrico Letta hanno portato al ridicolo sulla scena internazionale il nostro paese, è ora di cambiar rotta, di prendere il timone in mano e issar le vele, siamo stanchi di andare alla deriva, esigiamo la difesa a oltranza di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, il proscioglimento da ogni accusa e il loro rientro in patria immediato, ed inoltre una vera inchiesta sulla mala gestione del caso e che i responsabili paghino il fio della colpa.

La Vera Italia non lascia nessuno indietro !




Nessun commento:

Posta un commento