giovedì 3 ottobre 2013



Ahia...è tornato, il coso è tornato...ma non possiamo regalarlo all'india? india dicci quanto vuoi e te lo tieni, ma non fargli scrivere più nulla per piacere, anzi peppiacere...ma si può? adesso la Bonino è diventata salomonica, peccato che manchi questo ministero altrimenti glielo avrebbero dato...salomonica...IGNORANTE  LEI E' (ahimè) IL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI e non può rilasciare dichiarazioni del genere...e quannno ce vò, ce vò...
La Bonino accoltella alle spalle, in pieno titolo di dicastero, due italiani EVIDENTEMENTE INNOCENTI checchè tu ne dica, e sarebbe salomonica? ma possibile che voi da quel lato negate sempre l'evidenza?
Uuuhhhh se ha sbagliato, eccome se ha sbagliato... ma i vostri sbagli sono giudizi salomonici, mica errori, voi non ne fate mai !!!
Che schifo...che schifo...pur di accaparrarsi le poltrone e tenersele, per ordini al di sopra dello stato, certi cosi come questo riuscirebbero a dire che la terra gira intorno alla luna, ma lo fa in maniera off-topic ed alle volte con un low-profile, ma sempre in maniera equa e rapida...
Ma la volete finire di sparare cazzate? Si concedetemelo, non trovo altro termine in italiano forbito che spieghi così bene l'idea...salomonica... ma se Salomone dovvesse risvegliarsi dalla tomba, a calci nel fondo schiena da torre a mare a new dehli vi accompagnerebbe, tutto via terra...
E siccome la Bonino ha da poco conosciuto Salomone, si menziona l'innocentista Terzi e non il casinista Monti o il lacchè Di Paola o il regista Re Giorgio per finire con il Dr. h.c. De Miscuglio (si avete capito bene, dalla biografia si sa che è dottore honoris causa, una di quelle lauree a pagamento, per intenderci)...quelli sono bravibellibuoni...ma fatemi il piacere !!! Qui si parla prima di tutto di due Uomini, due soldati, due dipendenti dello stato, si parla dell'Onore di una nazione... ed io non permetto a nessuno di disonorarla... a nessuno !!! ed oggi avere un ministrucolo salomonico è un grande disonore...ci vogliono gli attributi per fare il ministro, altro che... ed oggi non ne vedo molte in questo governo tecnico antipopolo...
Bene (per modo di dire) guardate cosa si sono inventati, cos'hanno scritto per mano del coso...


Bonino salomonica. Si scatena l'innocentista Terzi

Dalla Rassegna stampa
Le dichiarazioni salomoniche del ministro degli Esteri Emma Sonino circa la vicenda dei due marò in india hanno riaperto le polemiche che hanno caratterizzato il caso Enrica Lexie sin dal 15 febbraio 2012, quando nelle acque del Kerala morivano Ajesh Binki e Valentine Jelasiine, due pescatori probabilmente scambiati per pirati dai fucilieri del Nucleo militare di protezione a bordo della petroliera italiana. Bonino, sulla sua pagina Facebook, riferendosi alle accuse di omicidio mosse contro Massimiliano Latorre e Salvatore Gironi, lunedì ha spiegato che «Non è accertata la colpevolezza, e non è accertata l’innocenza. I processi servono a questo», di fatto fugando ogni dubbio circa la fiducia riposta nella giustizia indiana, ora che le indagini della polizia federale sembrano giunte al termine e il processo in India potrebbe finalmente aprirsi.
La dichiarazione ha scatenato l’indignazione del fronte innocentista, con l’ex ministro Giulio Terzi sugli scudi a ribadire su Twitter l’adesione completa alla versione di Latorre e Girone, che da sempre si proclamano innocenti e che da oltre 600 giorni sono bloccati in India. Analizzando il dipanarsi della vicenda in questo anno e mezzo ci sono alcuni elementi poco chiari che aprono scenari preoccupanti per le nostre istituzioni e per almeno quattro dei sei marò all’epoca dei fatti a bordo dell’Enrica Lexie. La petroliera, fermata dalla guardia costiera indiana, attracca al porto di Kochi il 15 febbraio; seguono quattro giorni di trattative informali tra le autorità indiane e quelle italiane che si concludono con l’arresto di Latorre e Girone il 19 febbraio.
Perché proprio loro due, i sottufficiali più alti in grado a bordo? Oggi questa domanda appare particolarmente legittima, considerando due episodi che in un anno e mezzo hanno stravolto la strategia difensiva dell’Italia. Il primo: la pubblicazione su Repubblica, alla fine del marzo scorso, del rapporto redatto dall’ammiraglio Piroli, dove si indica testualmente che gli esami balistici condotti dalla scientifica indiana sostengono che i due fucili compatibili coi proiettili rinvenuti nei corpi delle vittime non sarebbero contrassegnati con le matricole di Latorre e Girone, bensì con quelle di altri due fucilieri, Renato Voglino e Massimiliano Andronico. A questo dettaglio dobbiamo aggiungere l’improvvisa reticenza italiana a collaborare con gli inquirenti indiani ora che per completare le indagini mancano solo le deposizioni dei quattro marò attualmente in Italia. Alla richiesta di presentarsi per l’interrogatorio in India - al pari degli altri testimoni civili, dal capitano della Lexie a tutto il resto dell’equipaggio -le autorità italiane sono state irremovibili nel negare la presenza fisica degli altri quattro marò, avanzando opzioni alternative di interrogatorio in teleconferenza, via email o ospitando gli inquirenti indiani sul suolo italiano: tutte opzioni giudicate non percorribili dall’India, che ha cercato di far valere un documento firmato dall’Italia in cui Roma si impegnava davanti alla Corte suprema nel rendere disponibili i testimoni per ulteriori indagini. Un documento che ora, secondo il sottosegretario Staffan De Mistura, è superato poiché dal momento della firma «è passata molta acqua sotto i ponti». Una giustificazione piuttosto fumo sa-in controtendenza con la precisione e professionalità di De Mistura nel gestire l’intero caso - che l’India non ha intenzione di accogliere, decisa a voler sentire i marò in territorio indiano. Segno che la deposizione dei quattro fucilieri è ritenuta fondamentale per impedire che il destino di Latorre e Girone, parafrasando la stampa indiana, «possa essere messo a repentaglio» dalla mancata collaborazione tra le parti. Chiarire i punti controversi circa l’arresto di Latorre e Girone e le matricole dei fucili incriminati sgombererebbe il campo dal sospetto che la ricostruzione fino ad ora riconosciuta dalle autorità italiane serbi invece qualche drastico aggiustamento.

ahh e poi, coso facci un favore, a noi Italiani (forse ad esclusione di qualche migliaio, ma non tutti sono perfetti) non interessa ciò che vaneggi nello scrivere... e se continui a non tenere legato il cane nel giardino di casa, potresti avere di questi problemi...
mettiamola sul ridere e mi scuso per eventuali offese recate al cane, grande attore ... perchè una farsa come questa che coinvolge i marò italiani, solo gente con una grande mente ed un cane come questo poteva escogitare...
coso non ti offendere, non ce l'ho con te, ma con chi ti manovra perchè approfitta dello scarso Q.I. delle pesone...
stammi bene e non usare più la scrittura per gli altri, non ne abbiamo bisogno, bastano coloro che sono a montecitorio per farci incazzare, non mettere anche del tuo...ok? 
grazie, coso...ascolta i consigli di uno più grande di te, non fanno mai male...

Nessun commento:

Posta un commento