martedì 12 agosto 2014

Renzi chiama Modi, con la scusa dei Marò svende anche le acciaierie...





12 agosto 2014, giorno di sequestro 904, la farsa continua !

Ieri abbiamo appreso dalla totalità o quasi dei media della telefonata intercorsa tra il Presidente del Consiglio Italiano Matteo Renzi e il Prime Minister Indiano Narendra Modi, tutti i media hanno sottolineato come il tema cardine di questa telefonata siano stati i nostri Fucilieri di Marina illegalmente trattenuti nel paese delle caste e degli stupri da 904 giorni, ma siamo sicuri che sia andata veramente cosi' ?

Le agenzie ci hanno riportato puntualmente le parole dei due leader, ovvero l' ennesima presa in giro, se il buon Matteo ha chiesto a Namo " una rapida soluzione positiva ", il buon Namo ha replicato " lasciamo che la giustizia indiana faccia il suo corso " ovvero l' ennesima presa per il culo, ma veniamo alla nostra ipotesi di come sia andata realmente la telefonata tra i due...


Matteo : 
Namo ome tu stai ? che si fa, la si dice du bugie su quei due bischeri che son li da voi e poi la si parla di affari ?

Namo :
Matteo non ti preoccupare, sai che si fa, il 14 ottobre diciamo che il giudice ha avuto la diarrea e facciamo un altro rinvio, tanto da voi inizia il campionato di calcio...

Matteo : 
O Namo tu si che la sa lunga, maremma maiala, si fa osi' io dico du stronzate e tu fa il duro

Namo : 
Va bene Matteo, tu vai avanti con qualche dichiarazione del tipo " auspico una soluzione positiva " e io poi dico che la giustizia è indipendente dalla politica e " deve fare il suo corso "

Matteo : 
Ganzissimo Namo

Namo : 
Bene, siamo d' accordo, senti un pò Matteo, ai miei amici interessano le vostre fabbriche di acciaio, però ci devi aiutare, facciamoli risparmiare che con i soldini che avanzano si fa una bella festa con gli amici...

Matteo : 
Sta bene Namo, anzi sai che fò, al prezzo di una te ne svendo due, sia l' ILVA  che la Lucchini
va bene ?

Namo : 
Bravo Matteo, mica vorrai vender tutto ai cinesi come hai fatto per quell' operazione ultima sulle reti energetiche ? non ti dimenticare che noi vi compriamo un sacco di armi e vi facciamo lavorare sulle nostre portaerei...

Matteo :
Lo so Namo, lo so, ma sai io sto svendendo tutta l' Italia un pezzo alla volta e non posso mica vender tutto a voi, ho qui rotture di palle da parte di stracciaioli che vogliono indietro i due Marò un giorno si e l' altro pure... sicchè mi stressano tanto maremma buaiola ! suvvia vedi di dar una spintarella per i fucili Beretta già che ci sei...

Bene abbiamo scherzato un pò, ma niente ci toglie dalla mente che anche il governo indiano e la stessa magistratura indiana si siano resi conto che i nostri Marò sono innocenti, e sicuramente si son resi conto che il buon Matteo deve svendersi di tutto e di più, e quindi usano i nostri soldati per far calare le brache ( già di per se molto calate ) del nostro governo,
del resto se il fantoccio che ci ritroviamo come presidente del consiglio pensa a soddisfare la Merkel, Draghi e compagnia bella, se non può spendere i soldi ad esempio nel comparto difesa nostrano visti i tagli alle FF AA  annunciate ormai da tempo, a chi si deve rivolgere se non ai parvenù indiani ? Storicamente è risaputo che i " cafoni arricchiti " sfruttano ogni sporco e lurido mezzo...

PS
sarà un caso che a settembre la figlia di un facoltosissimo miliardario indiano celebrerà le sue nozze in Puglia, a pochi chilometri da Taranto... vuoi vedere che con la scusa di una gita turistica qualcuno degli invitati andrà a fare un sopralluogo agli impianti siderurgici di Taranto tanto ambiti dalla Mittal indiana ?

ai posteri l' ardua sentenza


La Vera Italia non lascia Nessuno Indietro !

Nessun commento:

Posta un commento