sabato 30 agosto 2014

Pili: “Carico di armi Usa sotto copertura al porto canale”. Destinazione Iraq?

Decine di container senza nome e cognome, sotto la sigla Property of Us. Army. Un carico segreto, scaricato durante la notte nello scalo di Macchiareddu. Secondo i codici interni di gestione del Porto quel carico sarebbe sotto copertura

I container Property of Us. Army al porto canale

"Decine di container con la sigla "Property of U.s. Army" sono stati scaricati durante la notte nel porto canale di Cagliari. Secondo i codici interni di gestione quel carico sarebbe sotto a copertura e questo lascia molti sospetti, compreso il fatto che il porto canale di Cagliari, senza alcuna comunicazione da parte degli Usa, venga utilizzato come piattaforma logistica per il Medio Oriente". Lo denuncia il deputato di Unidos, Mauro Pili, che chiede al Governo di "dire che cosa trasportano quei container e se sono stati autorizzati alla sosta nel territorio dello Regione Sarda".

Il parlamentare sardo ha annunciato la presentazione di un'interrogazione urgente al presidente del Consiglio Matteo Renzi e ha pubblicato sul suo profilo Facebook le immagini dei container. Secondo Pili, "sarebbe esclusa la presenza di materiale esplodente ma i container potrebbero trasportare lancia razzi e lancia missili, artiglierie di media portata per qualche destinazione segreta. In queste settimane del resto si è fatta incessante la movimentazione di armamenti nell'area del Mediterraneo - aggiunge - considerato che chi più, chi meno, ha deciso in modo trasparente, e chi segretamente, di armare eserciti clandestini in diverse parti del bacino del Mediterraneo e non solo". "Dall'Iraq alla Libia - conclude - lo scenario dell'altra sponda del Mediterraneo si è fatta incandescente. L'utilizzo del Porto canale di Cagliari per questo tipo di logistica militare e bellica è un fatto gravissimo proprio perché il tutto avviene segretamente e senza che il Parlamento sia stato minimamente informato".

La replica.  "La Regione ha attivato i passaggi istituzionali con il Governo, nella persona del sottosegretario della Difesa Domenico Rossi, per approfondire le informazioni sul presunto sbarco di un carico militare americano nel porto canale di Cagliari, la scorsa notte, come denunciato dal deputato Mauro Pili". Lo fa sapere la Regione in serata dopo la denuncia del deputato Mauro Pili (Unidos) per la presenza di container con la sigla "Property of Us Army" nel porto di Cagliari.
"A seguito delle informazioni pervenute da Roma - spiega la Regione -, si tende a escludere un movimento di armi e munizioni poiché le autorità italiane non hanno ricevuto, come previsto in questi casi, alcuna comunicazione dal governo statunitense. Resta aperto un contatto diretto per tutti gli ulteriori accertamenti".

1 commento:

  1. Non hanno autorizzazione? E neppure hanno informato le autorità competenti?
    E la Capitaneria di Porto cosa dice in proposito?
    Non è possibile che la Capitaneria non sappia nulla! In caso contrario chiunque potrebbe organizzare uno sbarco in forze e occupare qualsiasi città costiera!
    Se la Capitaneria a seguito di questo articolo non dispone una ispezione immediata può essere accusata di omissione grave e fors'anche di alto tradimento.

    RispondiElimina