domenica 29 dicembre 2013

La Bonino continua fare la furbetta sui marò.

Solo prese in giro furbate,menefreghismo e ignoranza.e con i suoi amici giornalisti dei poteri forti,ci sono tutti,destra e sinistra,a farle gli spot elettorali,Brava Emma,il miglior ministro  del governo Letta,il metodo Bonino,che spot elettorali,che grande donna ma cosa fa questa santa donna ai suoi amici.
Chi le fa cantare la libertà,chi l’accompagna sotto braccio ma nessuno di questi le ha chiesto Emma perché non hai chiesto l’arbitrato internazionale? Perché?
Questo è quello che avrebbero dovuto fare i giornalisti,loro no,non sono dei giornalisti,pensano soltanto a come aiutare la loro amica,a denotare cose inesistenti  e a suonare la grancassa per evitare che l’attenzione cada su delle azioni scellerate e carognesche fatte dalla Emma e dal suo team nella pagina.
Verrà fuori tutto cara Emma e ti piaccia o no riprenderai a fare la cittadina del mondo o a fare come il tuo inviato speciale  De Mistura ,dove qualche altro paese ti coopteerà per servirlo, visto che fai parte di un partito transnazionale .
E nel frattempo continua a regalare le solite stronzate  ““una storia molto complicata”, ha detto, “che questo governo ha ricevuto in base a decisioni prese prima: ci può piacere o non piacere, ma alcune decisioni sono state prese precedentemente".  “Noi dobbiamo lavorare per portare a casa in dignità questi due marò, tenuto conto di esigenze indiane, anche politiche: si politicizzano i casi non solo da noi, anche in India". La signora ministro si è detta “speranzosa”, convinta che alla fine “verremo a capo di questa questione”.
Ora a Nicola Porro,a Stefano Folli ,a Adriano Sofri a Gad Lerner e a tutti gli altri amici giornalisti e a tutti i grandi giornali che la sostengono si ricordassero che l’unica domanda che dovevano farle non l’hanno fatta.

Nessun commento:

Posta un commento