mercoledì 26 marzo 2014

I due Marò, il " fuoco amico " di tre governi e il macchiavelico De Mistura

26 Marzo 2014

Nella giornata odierna si è svolta l' audizione in Parlamento dell' inviato speciale di ben tre governi, il " macchiavelico " Staffan, come al solito abbiamo appreso dell' ennesima promessa ( falsa ) di risolvere il caso del sequestro dei due Fucilieri mediante l' internalizzazione e l' appoggio del buon Obama, che domani assaggerà le pietanze romane vedrà lo show di mister bean Renzie e volerà sull' AIR FORCE ONE per la prossima tappa della sua gita, al macchiavelico Staffan rispondo con una citazione da " Il Principe " al cui scrittore lui dice di ispirarsi, dal 26esimo capitolo : " Exhortatio ad capessendam Italiam in libertatemque a barbaris vindicandam "  ovvero " esortazione a pigliare l' Italia e libelarla dalle mani dei barbari " ( che la governano ), sempre da " il principe " facciamo nostro la famosa frase del Petrarca dal Macchiavelli citata in chiusura dello scritto a Lorenzo De Medici  :

Virtù contro a furore prenderà l' armi,
e fia el combatter corto,
che l' antico valore nelli Italici cor non è ancor morto


Dal titolo di questo articolo è facile capire chi sono gli autori del " fuoco amico " è inutile ribadirne i nomi, sappiamo benissimo che dal Re al Professore e a chi si è succeduto nei vari ministeri non solo non hanno fatto nulla per salvarli dal sequestro indiano ma addirittura hanno solo peggiorato la situazione dei due Fucilieri che attendono per il giorno 28 l' ennesima decisione della corte suprema indiana, che immaginiamo optare o per un rinvio o per un peggioramento della loro situazione, a nulla è valso il lavoro del Trio Capuozzo Di Stefano Tronconi, a nulla son servite le varie manifestazioni di solidarietà per Max e Salvo, ( vedasi " tutti insieme per i Marò " del novembre 2013 ) a nulla son servite le richieste da parte di tutti i sostenitori dell' innocenza dei due Fucilieri, gli esposti presso la procura militare da parte del Gen ( r ) Termentini, i poteri forti che per mezzo di Passera fecero scegliere a Monti la via del tradimento rispedendoli in india per tutelare gli affari ( poi saltati ) indiani, tanto per cambiare Finmeccanica è di nuovo sotto inchiesta della magistratura.... inoltre la cosa che balza subito evidente è che in questi ultimi giorni è spuntato in rete un video che mostra l' inseguimento di un imbarcazione nel mediterraneo verso la quale vengono esplosi dei colpi da parte di una nave militare Italiana, dopo i vari disinformatori e illazionisti/colpevolisti scribacchini e no, dopo gli ufficiali della marina militare in cerca di favori dagli alti gradi che postano video di spiattellamenti vari , dopo le stronz... di un ottantenne rimbambito a proposito delle acque internazionali e acque contigue, dopo gli articoli degli sinistrati al soldo della sinistra con i soldini è bene fermarsi a  riflettere, forse ci si avvia a un accordo sottobanco con gli indiani ? forse si opta per una condanna supportata dal macchiavelico Staffan e i suoi inchini tra una tazza di tè e l' altra?

Noi saremo sempre pronti a cercare la verità, a cercare di snidare le serpi adoratrici del dio denaro che spingono per insabbiare i responsabili dell' assurda vicenda, non si riesce ancora a sapere chi diede l' ordine di rientro a Kochi all' Enrica Lexie, non è stato ancora inquisito nessuno anzi... tutti promossi i vertici militari dell epoca dei fatti, questo ci deve far riflettere anche su tutti gli aspetti dell' essere Italiani oggi, ovvero di essere asserviti ai poteri forti che se ne infischiano del popolo e cercano di schiavizzarlo sempre più, forse questa triste storia ha avuto il pregio di far rialzare la testa a tanti cittadini delusi dalle caste Italiane, chissà che come scrisse il Petrarca.....

 Virtù contro a furore prenderà l' armi,
e fia el combatter corto,
che l' antico valore nelli Italici cor non è ancor morto


La Vera Italia non lascia nessuno indietro !

si ringrazia Bruno Caleffi per la foto inserita in testa a questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento