mercoledì 22 gennaio 2014

Incidente diplomatico India-Savona? Vaccarezza declina l'invito del Consolato in solidarietà ai Marò

Il Presidente:"Omaggiare come Amministratore italiano un paese che si autodefinisce democratico ma che detiene ingiustamente da quasi due anni Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, sarebbe proprio un affronto nei confronti di questi uomini che vivono un'esistenza da prigionieri senza diritti"

Un rifiuto che potrebbe generare un incidente diplomatico: il presidente della Provincia di Savona Angelo Vaccarezza ha infatti declinato l'invito per la serata organizzata, venerdì 24 gennaio a Milano, dal Consolato Indiano in occasione della 65° Giornata Nazionale della Repubblica dell'India. Alla base del diniego la situazione dei due Marò, che da due anni si trovano appunto in carcere in India. Lo scorso 15 febbraio 2012 al largo della costa del Kerala, nel Mar Arabico, nel corso di un'operazione antipirateria nella quale si trovavano appunto coinvolti Latorre e Girone, morirono due pescatori indiani.
Omaggiare come Amministratore italiano un paese che si autodefinisce democratico ma che detiene ingiustamente da quasi due anni due nostri compatrioti, i Marò Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, sarebbe proprio un affronto nei confronti di questi uomini che vivono un'esistenza da prigionieri senza diritti, ha dichiarato il Presidente Vaccarezza.
"Il mio rifiuto a non voler condividere banchetti e festeggiamenti, prosegue Vaccarezza, nulla c'entra con altri impegni in agenda, non sarò presente per scelta. Non mi nascondo come il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia dietro ad impegni istituzionali in virtù di chissà quale timore ad esprimere la propria vicinanza ai due Marò, compatrioti, ribadisco, e non semplicemente connazionali. Evidentemente io e il Sindaco Pisapia intendiamo in modo differente il concetto di Patria e di appartenenza alla Nazione, un concetto che si fonda su valori ed identità oltre ogni globalizzazione".
"Due anni prigionieri in India, due lunghi anni d'attesa senza una soluzione da parte del nostro Governo, una mancanza d'azione che potrebbe  generare epiloghi ancora peggiori. Le vite di questi uomini valgono di più di ogni relazione commerciale, parliamo di italiani ingiustamente accusati, vessati. Spero di non dover mai dire anche dimenticati dalla propria Patria.” conclude il Presidente.
Non è la prima volta che Vaccarezza testimonia con forza la vicinanza ai due Marò: alle pareti esterne di Palazzo Nervi capeggia da anni un manifesto di solidarietà verso i due marinai. E' notizia di ieri poi che il ministero degli Interni avrebbe dato il via libera all’agenzia d’investigazione Nia affinché proceda contro Girone e Latorre per la legge antipirateria: sul capo dei due potrebbe quindi pendere l'imputazione di terrorismo.
Di seguito il testo della inviata dalla Provincia di Savona alla segreteria del Consolato Indiano con sede a Milano:
"Nel ringraziare per il cortese, ed in altre circostanze gradito, invito alle celebrazioni organizzate dal Vostro Consolato venerdì 24 gennaio a Milano, in occasione della 65° Giornata Nazionale della Repubblica dell'India, siamo a comunicare che il Presidente Angelo Vaccarezza non parteciperà al ricevimento di gala.
Il Presidente Vaccarezza motiva la sua assenza come gesto di solidarietà nei confronti dei due militari italiani Salvatore Girone e Massimiliano Latorre ingiustamente trattenuti da ventiquattro mesi nel Vostro Paese".
 Cinzia Gatti
http://www.savonanews.it/2014/01/22/leggi-notizia/argomenti/cronaca-2/articolo/incidente-diplomatica-india-savona-vaccarezza-declina-linvito-del-consolato-in-solidarieta-ai-mar.html#.Ut_7kqDXYzo.facebook

Nessun commento:

Posta un commento