mercoledì 15 gennaio 2014

Marò, la Bonino deve dimettersi

Forte dell’appoggio dei poteri forti,il suo nome viene tirato fuori soltanto da qualche giornale,giusto per poter far rientrare il discorso nella solita polarizzazione destra sinistra,ma qua non c’è una destra che attacca e una sinistra che difende,ci sono dei giornali come il Corriere della sera,Repubblica,la Stampa il sole 24 ore e giornalisti come Porro,Stefano Folli,Adriano Sofri che invece di leggere e parlare delle azioni del Ministro le preparano spot elettorali,e anche in maniera subdola.
Kerry si coccola la Bonino,infila nei titoli il Corriere della sera,non dice che Kerry propose il nome della Bonino agli esteri ,al duo Letta Napolitano.
Nessun giornale ha chiesto alla Bonino i motivi per cui non ha chiesto l’arbitrato internazionale.Nessun giornale ha chiesto alla Bonino di spiegare le sue farneticanti dichiarazioni,sue e quelle del suo vice Pistelli,dalle quali emergono chiaramente le loro gravissime responsabilità.
Nessun giornale ha approfondito  le offese alla dignità umana da parte della Bonino e dei suoi hooligans nella sua pagina fb,nonostante i politici vengono spulciati su tutto lei no,se avesse avuto un minimo di controllo si sarebbe controllata,invece di andare fuori di testa e creare un ghetto virtuale per quelli che volevano parlare dei marò.
Sicuramente sono a conoscenza di quello che è accaduto nella sua pagina,Il Corriere della sera,Repubblica,la Stampa ,il Sole 24 ore e tutti gli amici dei poteri forti,ma avendo mandanti in comune non si deve parlare.
 

Nessun commento:

Posta un commento