martedì 28 gennaio 2014

OFLE TRA I DUE MONDI


FINALMENTE E' USCITO IL MIO TERZO LIBRO - Chiunque avesse desiderio di leggerlo è pregato di scrivermi qui su fb o sulla mia e mail emanuela.rocca16@live.it o sul mio sito www.emanuelaroccascrittrice.com  http://www.agoranewsonline.com/1/cultura_3397583.html 

PREFAZIONE ‘
«Cos’è un miracolo?» « Un miracolo per noi è qualcosa che accade all’improvviso e ti cambia la vita in meglio.»

Immaginate un mondo dominato da un tripudio di colori, dove gli abitanti sono cordiali e coesistono, aiutandosi l’un l’altro, immaginate un mondo dove Madre Natura culla con una profumata carezza i suoi frutti, immaginate un mondo dove l’odio e l’inimicizia sono parole incomprensibili. Ora aprite gli occhi e avrete davanti il mondo incantato da cui proviene Ofle, l’elfo. E poi immaginate un mondo che sia tutto l’opposto, dove gli abitanti sono divorati da odio e rancori, immaginate un mondo dove serpeggia la malattia, eterna compagna della morte di nero vestita. Un mondo dove le armi da fuoco e la violenza sono all’ordine del giorno e un sorriso è merce rara. Avrete davanti il mondo in cui vive la piccola Ori: una caotica e affaccendata New York demolita dallo scorrere frenetico del tempo. Questi due mondi sono paralleli gli uni agli altri ma non si sfiorano mai se non con il fiato della fantasia e dei sogni che Ori custodisce dentro di sé. Una vacanza in Irlanda, in una baita tra i boschi, muterà radicalmente ciò in cui lei crede e lo stesso varrà per Ofle, l’elfo che vive oltre la barriera dell’ invisibile. I due riusciranno a infrangere i confini che li tengono separati, dando inizio a un magico viaggio inaspettato. Questo è un romanzo che ti entra dentro passo dopo passo, parola dopo parola. Chi ha letto Emanuela Rocca si ritroverà spiazzato e catapultato in una favola moderna, trasudante di insegnamenti che, forse, abbiamo dimenticato. Ci ritroveremo al fianco di Ori mentre cavalca pesci giganti, mentre doma la groppa di un drago in volo, per poi salire su un isola galleggiante nell’atmosfera o pernottare in un castello di ghiaccio. Saremo affiancati da fate, elfi, maghe, gnomi e la loro comunità ci apparrà tutto tranne che anomala. Ma il romanzo di Emanuela non è solo la storia di un viaggio fantastico, è la contrapposizione netta di due mondi agli antipodi. E’ una storia che spinge a riflettere e a porsi due domande sulla società in cui viviamo. Un mondo che spiazzerà Ofle e il lettore stesso, ormai assuefatto dal quotidiano e dai ritmi indiavolati che ci impone. Il libro di Emanuela è un libro per sognare, è un libro che vuole stimolare l’angolo remoto della nostra mente dove ancora albergano i sogni, vuole ricordarci che non è mai finita finché continueremo a sognare perché proprio nei sogni alloggia la verità. E forse è vero, forse bisognerebbe tornare bambini per apprezzare il verde delle foglie, il profumo dei fiori o il sorriso di una fata. Non vi augurerò ‘buona lettura’ perché so già che lo sarà, ma vi chiederò di porre occhio attento e orecchio aperto, leggete questo romanzo cogliendone ogni sfumatura, ogni allegoria. Leggete questa favola con quella parte remota del vostro ‘io’ che credete troppo cresciuta ma che, in fondo, avete solo abbandonato. Scoprirete qualcosa che non avevate immaginato, scoprirete l’invisibile che ancora alberga in voi, basterà solo addentrarsi nel mondo di Ofle, aprire il cuore e lasciarvi condurre per mano dalla fantasia e da questa narratrice d’eccezione. Buona lettura!
 Linda Bertasi Scrittrice
Emanuela Rocca


Fonte:
www.agoranewsonline   sezione CULTURA


Nessun commento:

Posta un commento