martedì 16 luglio 2013

E Miavaldi continua nella sua narrazione non tossica.

Matteo Miavaldi continua a narrare i fatti a suo uso e consumo,dopo aver ribadito ancora una volta le sue verità e la sacrosanta indagine del kerala,anche gli indiani sai rendono conto che quell’indagine è una porcata ,per Matteo no ,è un indagine fatta bene ,e ora nella sua narrazione non tossica ha cercato di trascinare Toni Capuozzo.Lui e solo lui ha visto nelle parole di Toni Capuozzo il disconoscimento del suo lavoro e l’ammissione della sacralità e della giustezza del suo lavoro ,e subito ha commentato con i suoi amichetti la narrazione non tossica. Ma Capuozzo se ne è accorto e gli ha risposto.




 Toni Capuozzo
“ Bel lavoro Matteo. Non mi aspettavo la furbata di dire che Capuozzo ammette errori. Rileggi: io ho detto che è vero, che non c'è prova che la Lexie avesse attivato l'allarme istantaneo. Per il resto, conitnui a non rispondere sui tuoi errori, o sulletue arrampicate: lo stato di shock di Freddy sei ore dopo l'incidente, la questione delel acque territoriali, il buio della nave greca.... un po' troppi silenzi. E smontare un impianto accusatorio indiano che fa acqua da tutte le parti sarebbe complottismo ? Come dovrei chiamare le fantasiose, quelle sì, ricostruzioni dell'inchiesta indiana, e il tuo lavoro di fedele e acritico sostegno a esse ? Un lavoro di coraggioso giornalismo indipendente ? Mi fermo qui, ti avevo detto che non volevo una polemica infinita, e non è mancanza di rispetto per te, ma voglia di uscire dal confronto in rete, e da guerricciole tra piccole fazioni. Con amicizia, ciao Toni  Capuozzo


Matteo Miavaldi
“Toni Capuozzo, scrivo articoli da 9 mesi a riguardo, ho scritto pure un libro - che sicuramente non hai letto, né gli articoli né il libro, se mi chiedi di spiegare la questione delle acque territoriali ed il buio della nave greca, temi già affrontati e sviscerati - ed è davvero stancante inseguire le vostre fantasie non supportate da prove: il complotto che avete raccontato, tu e le tue fonti, mi pare sia stato scardinato completamente con prove sostanziali sulle quali non credo ci sia nulla da discutere.
Noto invece che il tuo lavoro è continuare a perpetrare le bugie che hai raccontato, ripostando interviste che ti riguardano dove ancora tiri in ballo questione orari e petroliera greca.
Impianto accusatorio che fa acqua da tutte le parti, ma è stato sottoscritto anche dalla Marina italiana?
Toni, stai facendo una campagna che non ha nulla a che vedere con la ricerca della verità, si chiama propaganda e sottrarsi al dovere deontologico di chiarire con una smentita gli errori commessi ti qualifica come giornalista.
E io sono un po' deluso. Auguri.

1 commento:

  1. Ma che gli hanno fatto ingerire in India ... il Cardamomo? pianta selvatica che nasceva spontanea sulle colline del Kerala e usata, tra le altre, per profumare l’alito?

    RispondiElimina