giovedì 11 luglio 2013

il saguaro



Signori e Signore, direttamente dall'india ecco a Voi il genio del XXI secolo alias MIAVALDI MATTEO da Vigevano (Pv) con succursale a santiniketan-bengala-india.
Questo nostro benemerito connazionale (spero per poco) oltre che curatore di verde privato (coltiva direttamente a casa sua, se volete andare a vedere le sue foto nel suo sito, c'è tanto, ma tanto...verde, fb lo permette) ha la malattia del "giornalistasemprepiùalternativo" classico dei comunisti delusi e mi spiego meglio: Alfredo d'Ecclesia ha postato uno scritto dell'illustrissimo coso (http://alfredodecclesia.blogspot.it/2013/07/la-narrazione-non-tossica-di-matteo.html?spref=fb) dove, machiavellicamente, cerca di convincere non si sa chi che l'india in pratica ha ragione perchè applica le proprie leggi da potenza mondiale, mentre la fascitoide italietta da tarallucci e vino, rappresentata solo da Il Giornale, Berlusconi, La Russa e Luigi Di Stefano, non è niente al confronto. Stiamo parlando ovviamente del caso dei marò, Latorre Massimiliano e Salvatore Girone, due scloncusionati, imbranati ed impreparati marinai italiani che hanno sparato per uccidere due innocenti pescatori indiani. E sapete perchè dice che sono colpevoli? semplice, lo dice l'india nuova potenza quindi è vero... accusa Luigi Di Stefano di aver trovato prove sul web, e lui dove le trova? sui giornali indiani? o il suo web è più affidabile? ed ora che si trovano anche le dichiarazione del proprietario del st. anthony che dichiara in video, a caldo, che il giorno e l'ora non sono quelle dichiarate dalle autorità, come la mettiamo? 
il coso è riuscito a pubblicare anche un libro:
"I due marò. Tutto quello che non vi hanno detto" 
e mi scusi, coso, cosa non ci hanno detto? di demisturicchio sappiamo bene quello che vale ed a cosa serve, ma chi non ha detto cosa? che vermonti ha fato una cappellata enorme e da tecnico non ha saputo gestire una "farsa" politica che gli è sfuggita dalle mani? che l'attuale esecutivo continua imperterrito nella direzione di chi lo ha preceduto con la supervisione di regiorgio? che chi regge i fili, non solo di questo caso, ma anche di altro è di "bilderberghiana" memoria? ed il bombardatore in kosovo, il caro tuo compagno d'alema, dov'è? che fine ha fatto? perchè non si pronuncia in senso civico e legale? non gliene frega niente? ed il prodeprodi ? ahhhh non si citano? è assordante il silenzio degli pseudocomunisti in tutta questa faccenda, meno di nessuno ne parla, forse perchè non appartengo all'armata rossa? 
bene caro coso, visto che ti spacci per giornalista (ma sei iscritto all'albo?), riportando un passo di ciò che è stato scritto nella prefazione di quello che definisci libro (vorrei sapere quante copie sono state vendute e chi ti sovvenziona):
"A ben vedere, non ha fatto (il coso) nulla di sovrumano: ha seguito gli sviluppi del caso leggendo in parallelo i resoconti giornalistici italiani e indiani, verificando e approfondendo ogni volta che notava forti discrepanze, cioè sempre. C'è da chiedersi perché quasi nessun altro l'abbia fatto: in fondo, con Internet, non c'è nemmeno bisogno di vivere in India!"
quindi abili e sudate ricerche fanno di te Voce e Verbo...complimenti................
spero che con questo si finisca definitivamente anche solo di parlare di certa gente, che come si dice dalle mie parti (per la precisione di una tua citazione, è dalle mie parti che arrivano le orecchiette, le friselle, ed il pane di altamura, non i dolci)...caro coso tu sei uno di quelli che muove le orecchie per dire che sei vivo... e non ti posso paragonare ad un giornalista, magari ad un saguaro, quello si, ad un saguaro...

p.s.: mi scusi se le ho dato del tu, ma per un attimo ho ceduto allo "alternativismo relativo"...mi riprendo subito.
Non la ringrazio di essere esistito per noi Italiani fino ad ora qui su fb, può muovere le orecchie quanto vuole, può vegetare come un saguaro quanto vuole, tanto lei da oggi ritornerà ad essere l'ombra del nulla, esattamente da dove è spuntato...

Nessun commento:

Posta un commento