mercoledì 17 luglio 2013

India indice colloqui per risolvere questioni di confine con la Cina




Nuova Delhi, 16 luglio (ANI): Il governo indiano ha detto che sono in corso trattative per discutere gli ultimi rapporti di elicotteri cinesi violano lo spazio aereo del Paese, anche se New Delhi aggiunge che la riga incursione è stato ripreso a diversi livelli.
I media hanno detto che due elicotteri di Esercito di Liberazione del Popolo Cinese (PLA) violato lo spazio aereo indiano il 11 luglio nel settore Chumar in Ladakh.
Questa ultima incursione è avvenuto pochi giorni dopo che le truppe cinesi entrarono in territorio indiano e hanno portato via le telecamere di sorveglianza.
Reagendo al rapporto, portavoce del ministero Syed Akbaruddin ha detto: "Questi sono tutti i problemi operativi e questi sono più indirizzate a coloro che stanno gestendo le questioni operative. Se posso solo dire che in termini della nostra esperienza precedente, ogni volta che siete venuti su con queste notizie su possibili differenze in termini di dove la linea di controllo è, e forse le truppe cinesi violano dalla nostra parte come lo percepiamo, questi hanno state attuate a diversi livelli. Essi non devono essere prese a livello diplomatico, ma ci sono molti altri livelli di interazione tra l'India e la Cina. "
 
All'inizio di aprile di quest'anno, un plotone cinese aveva allestito un campo di circa 19 km in territorio indiano e si era rifiutato di muoversi per circa tre settimane, ma alla fine ha accettato di ritirare le truppe dopo i negoziati. 
L'incidente si era messo in luce la natura delicata delle relazioni tra i due giganti asiatici che hanno una storia di una disputa di confine irrisolta da un lato e un fiorente commercio, dall'altro.
Cina e India non sono d'accordo su ampie zone di loro 4.000 chilometri (2.500 miglia) di frontiera e hanno combattuto una breve guerra di 50 anni fa. 
L'India è stata rinforzando la sua presenza militare per diversi anni sul pianoro Ladakh a distanza, costruzione di strade e piste al passo con lo sviluppo cinese oltre il confine in una zona contesa nota come Aksai Chin.
 
Commentando il processo contro i due marines italiani accusati di aver ucciso pescatori indiani, Akbaruddin ha detto: "L'inviato speciale del governo italiano è stato qui di recente e il problema di cercare di superare le difficoltà di accelerare il processo sono stati discussi. Uno di questi problemi riguarda quello che hai indicato. Ci sono diverse opzioni sul tavolo e questo è in fase di discussione tra l'Italia e le nostre autorità che pagano con le indagini, perché questo comporta anche problemi di carattere giuridico di esso che è accettabile per tribunali ".
 
I militari italiani accusati, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, sono accusati di omicidio in relazione con le riprese di due pescatori al largo della costa del Kerala scorso anno mentre prestava servizio come guardie di sicurezza su una nave cisterna registrato Napoli.
 
I due dicono che hanno sparato colpi di avvertimento in una barca da pesca credendo che fosse una nave pirata con uomini armati a bordo.
 
L'Italia sostiene l'incidente è avvenuto in acque internazionali e che gli uomini dovrebbero essere provati sul terreno di casa.
 
Italia contraria decisione dell'India di nominare il National Investigation Agency anti-terrorismo (NIA) di indagare sul caso, dicendo che il NIA aveva solo la giurisdizione per indagare sui crimini terroristici.
 
La nazione europea teme il NIA invocherà una legge sulla sicurezza marittima, che attira una pena obbligatoria di morte, che violerebbe una garanzia data da Nuova Delhi a Roma, che gli uomini non sarebbero stati mandati al patibolo. (ANI)
(Traduzione di Google)  (Fonte originale

Nessun commento:

Posta un commento